Differenze tra le versioni di "Le religioni della Mesopotamia/I Babilonesi/L'Esagila"

nessun oggetto della modifica
[[File:Pianta dell'Esagila 2.png|400px|thumb|[[File:É (cuneiforme).JPG|right|150px|thumb|Il segno cuneiforme che indica la "casa" in questo contesto la "casa del dio" quindi il "tempio". La sua resa in sumerico è ''É'' (e-<sub>2</sub>), in accadico: ''bītu'', con la variante assira in ''bētu''.]]<br> Sopra la pianta del tempio babilonese dell'Esagila: <br>1. Avancorte. <br>2. Le quattro porte, quella posta a Nord, in alto, apriva sull'Etemenanki (la ''ziqqurat'' di Babilonia) e veniva probabilmente utilizzata per la processione dell'Akitū, la festa religiosa del Capodanno babilonese.<br> 3. Cella del dio Marduk (indicata come ''Etuša'', "Casa dell'abitazione", o anche ''Eumuša'', "Casa del comando").<br> 4. Cella del dio Ea.]]
 
[[File:Marduk and pet.jpg|right|300px|thumb|Sotto:Marduk, dio poliade di Babilonia, in una immagine proveniente da un sigillo cilindrico in lapislazzuli risalente al IX secolo a.C., e dedicato al dio dal re babilonese Marduk-zâkir-šumi (regno: c. 854-819 a.C.). Secondo l'iscrizione che accompagna il manufatto, esso doveva comporsi in oro ed essere appeso alla statua del dio posta nel tempio di Marduk, l'Esagila, a Babilonia. Fu rinvenuto nei resti di una casa di un artigiano di monili del periodo partico. Marduk è qui accompagnato dal serpente-drago con corna Mušhuššu (lett. "Serpente terribile"). Con la mano sinistra regge il listello e la corda, strumenti della giustizia. Il suo corpo e adornato da simboli astrali. <br>
4 810

contributi