Differenze tra le versioni di "Le religioni della Mesopotamia/I Babilonesi/ Akītu"

nessun oggetto della modifica
[[File:Berlin-mitte-pergamon-ischtar-tor.jpg|left|250px]]
 
[[File:Illustrerad Verldshistoria band I Ill 033.jpg|right|150px]] <br>
 
Ricostruzione della "Via della Processione" di Babilonia lungo la quale, in occasione della Festa del Nuovo Anno (Akītu), un corteo religioso portava le statue di Marduk e di suo figlio Nabû, quest'ultima giunta dal tempio Ezida (lett. "Casa della verità" oppure "Casa sicura") di Borsippa. Dal tempio di Esagila, la processione attraversava la Porta di Ištar, raggiungendo il tempio di Akītu, situato all'esterno delle mura cittadine e che si apriva per l'occasione una volta l'anno.<br> A sinistra: la Porta di Ištar conservata al Pergamon-Museum di Berlino. <br>A destra: Immagine di una statua di un dio servitore rinvenuta all'ingresso del tempio dedicato a Nabû a Nimrud (oggi Kalhu), e risalente al periodo neo-assiro (811-783 a.C.). È molto improbabile che tale raffigurazione rappresenti il dio Nabû in quanto, pur se la testa riporta le corna proprie delle divinità, le mani giunte indicano un servitore. {{quote|Bel, tua abitazione è Babel, Borsippa la tua corona;<br>i cieli nella loro estenzione sono il tuo addome.<br>Con i tuoi occhi penetetri il tutto,<br> con i tuoi oracoli tu scruti gli oracoli,<br>con uno sguardo impartisci gli ordini.<br> [Con] il tuo tocco (?) consumi i potenti, <br> [...] gli umili li prendi per mano;<br> [quando] li guardi ti prendi pietà per loro,<br> fai vedere loro la luce ed essi vantano il tuo valore.|''Dalla preghiera a Marduk (Bel) pronunciata dal ''šešgallu'', il 2º giorno di Nisannu prima dell'alba, all'apertura della festa di Akītu''. In ''Rituale dell'Anno Nuovo a Babel'', 10-18; traduzione di Giorgio R. Castellino pp. 735 e sgg.}} {{quote|Ṣarpānītu la cui stazione (nel cielo) è elevata!<br> Beltia (Mia Signora) è splendente nobile e sublime<br> Tra le dee nessuna le è pari:<br> essa accusa e difende,<br> umilia il ricco, raddrizza il povero,<br>abbatte il nemico che non venerà la sua divinità,<br> salva il prigioniero, dà la mano a chi è caduto. <br>[...]<br> Per il servo che ti benedice abbi pietà!<br> nella stretta e nella miseria, prestagli aiuto,<br> nella malattia e nella sofferenza, ridagli la vita.|''Dalla preghiera pronunciata dal ''šešgallu'' a Beltia (lett. "Mia Signora" ovvero Ṣarpānītu, la paredra di Marduk), il 4º giorno di Nisannu, prima dell'alba''. In ''Rituale dell'Anno Nuovo a Babel'', 255-270 (262-277 sono qui ''omissis''); traduzione di Giorgio R. Castellino pp. 735 e sgg.}}]]
4 810

contributi