Differenze tra le versioni di "Identità e letteratura nell'ebraismo del XX secolo/Un nuovo inizio: la letteratura israeliana"

nessun oggetto della modifica
}} Tra i suoi scritti si annoverano i seguenti romanzi: ''Lizkor lishcoah'', 1968 ("Ricordare, dimenticare"); ''Lo sam zayin'' ("Se ne frega"), 1973; ''Ziyunim zeh lo ha-kol: Roman mafteah le-lo man'ul'' ("Scopare non è tutto"), 1979; ''Ziyunyune ha-derekh: Roman mafteah le-lo man'ul'' (seguito di ''Ziyunim zeh lo ha-kol''), 1980.</ref> scrive un tipo di prosa improvvisata, confessionale, divertente e iconoclasta. La poesia, da quando è iniziata la fase israeliana, a parte quella di Greenberg e Nathan Alterman (1910–1970), ha generalmente evitato di rivolgersi al pubblico e, seguendo la tradizione anglosassone, ha teso verso il lirico. I racconti e i romanzi di Amalia Kahana-Carmon (n. 1926)<ref>[[:en:w:Amalia Kahana-Carmon|Amalia Kahana-Carmon]], romanziera e critico letterario, ha vinto il [[w:Premio Israele|Premio Israele]] per la letteratura nel 2000.</ref> sono poetici in questo senso, intensamente personali fino al punto di una comunione mistica o solipsismo.<ref name="IsraLitt"/>
 
Uno degli esperimenti più interessanti nell'ambito del romanzo israeliano è stato ''Zikhron Devarim (La memoria delle cose)''<ref name="Zikhron">[[:en:w:Yaakov Shabtai|Yaakov Shabtai]], ''Zikhron Devarim'' ("La memoria delle cose"), Siman Kriah, 1977; trad. ingl. ''[[:en:w:Past Continuous|Past Continuous]]'', Overlook Press, 1983.</ref> di '''Yaakov Shabtai''' (1934–1981). Il talento dell'autore si evidenzia anche in una precedente raccolta di racconti, ''Hadod Peretz Mamriy (Zio Peretz spicca il volo)'' (1975 e 1985) e un dramma dal titolo ''Okhlim'', dove riesce a miscelare lo straordinario, il tragico, l'estroso ed il satirico. In ''Zikhron Devarim'' si seguono le vicende e le riflessioni di tre amici, GoldmanGoldmann, Tzazar e Yisrael nel corso di nove mesi tra (come indicano le prime righe) la morte del padre di GoldmanGoldmann e il suicidio dello stesso GoldmanGoldmann.<ref name="Zikhron"/><ref>Particolarmente esauriente sono le notizie biografiche di Shabtai a [http://www.albertomelis.it/ebraica.scrittori.israeliani.shabtai.htm ''Ebraica. Scrittori Israeliani'': "Yaakov Shabtai"].<small>URL consultato 01/01/2015</small></ref>
 
È veramente raro riscontrare un romanzo comico sulla scena israeliana corrente, ma particolarmente raro è il tipo di romanzo comico che Shabtai ha qui prodotto. Senza fare concessioni al lettore, il romanzo consiste praticamente di un solo lungo paragrafo in un libro di circa trecento pagine. È una sorta di romanzo di coscienza, ma non in un flusso singolo né emanante da un solo riflettore (nel senso di chi riflette). Paragoni sono stati fatti con [[w:Marcel Proust|Proust]] e l<nowiki>'</nowiki>''[[w:Ulisse (Joyce)|Ulisse]]'' di Joyce. Ma qui la narrazione salta costantemente da un personaggio all'altro, con le rispettive storie e sottostorie, dalle loro attività attuali ai loro pensieri e preoccupazioni, alle loro azioni frenetiche o alla loro impotenza, e nel tutto pervade il senso rodente della stranezza della vita e dell'inutilità complessiva. ''Zikhron Devarim'' è un romanzo tragicomico narrato come una sorta di frase inghiottita.<ref name="Zikhron"/>
 
L'atmosfera è del tutto pervasiva sin dall'incipit del romanzo, con la subitanea rivelazione delle due morti. È una storia di morte, che parla della vita per illustrare il punto che la vitalità più intensa che si possa immaginare, espressa nel mangiare, fornicare, imparare o altro, è solo una distrazione irrilevante. Il motto di GoldmanGoldmann è che "la vita non è null'altro che un viaggio nella morte... e inoltre, che la morfte è l'essenza della vita che si realizza in essa verso il completamento finale come una crisalide diviene farfalla, e che quindi tutti si devono abituare ad accettare la morte, che non arriva mai troppo presto." Nonostante tutta la preponderanza del divertimento esuberante e stravagante, il romanzo è totalmente desolante, tetro. I soli processi trasmessi sono l'inevitabilità e la bruttezza di invecchiare e la degenerazione, la natura transitoria di affetti personali (nessuno sembra capace di esprimere vero amore) e l'incapacità di elevarsi al di sopra dell'azione. L'Arte nella forma di Yisrael che suona l'organo, viene invocata, particolarmente in momenti di stress. Ma anch'essa fallisce.<ref name="Zikhron"/>
 
GoldmanGoldmann personifica la dottrina della morte intenzionale. Yisrael e Tzazar rimangono a guardare. Tzazar, del quale molto si parla nel libro, è quello che osserva la coincidenza delle due morti ed i nove mesi di intervallo tra loro. La sua propria vita è una catastrofe, una marea con cui nuota freneticamente, con svariate relazioni sentimentali, ricerche frenetiche e cambiamenti di attività e interessi. Suo figlio sta morendo di lucemia, ma la sua reazione rabbiosa contro questa malattia arbitraria pare indurre solo un maggior sentimento anti-vita, quando forza la sua amante Tehilla ad abortire. Vede la vita soltanto "come un'umiliazione angosciosa e insensata, o come un grande puzzle da cui si deve ricevere il massimo didel piacere possibile". In momenti sobri o di rammarico, definisce questo comportamento "suicidio allegrogaio".<ref name="Zikhron"/><ref name="Shab">[http://tabletmag.com/jewish-arts-and-culture/books/947/the-paragraph-that-changed-my-life "The paragraph that changed my life"], articolo sul romanzo ''Zikhron Devarim'' tradotto in ingl. ''Past Continuous'', di Todd Hasak-Lowy in ''Tablet'' 23/09/2008.</ref>
 
Non è che ci siano molti principi incorporati nel romanzo. Una volta esistevano gli ideali, sembra dire, ma ora hanno perso la loro validità.L'esperienza li ha obliterati. C'è il nichilismo. Goldmann accetta le implicazioni. Ma questo sforzo di ottenere una prospettiva religiosa finisce male. L'unico scopo della vita dovrebbe essere quello di guardare la morte in faccia, senza tante storie. Non è che Goldmann non desideri l'eternità, ma passa il tempo a riconciliarsi con l'inevitabile, che è diventato un'ossessione.<ref name="Shab"/>
 
Questo romanzo può essere letto come una critica sociale. La società israeliana viene presentata popolata da ebrei religiosi che si agitano in un mare allettante, aperto, inesplorato. La capacità di nuotare è limitata e condannata inevitabilmente al disastro. La vita è un gioco folle. Goldmann, presumibilmente la figura dominante del romanzo, è il più consapevole di tutto ciò. Tzazar cerca costantemente di evitare la conclusione necessaria e così si coinvolge in avventure promettenti ma controproducenti e infine deludenti. Yisrael è il più enigmatico dei tre e vive all'ombra degli altri due personaggi. Cerca di trovasre conforto nella musica, di cambiare il suo stile di vita. Ma non può. Infatti tutte le opzioni sono immaginarie, come sosterrebbe Goldmann. Paradossalmente, il suicidio è l'unica libertà. La morte è inevitabile, pertanto posiammo almeno scegliere il momento e metterla nel sacco.<ref name="Zikhron"/><ref name="Shab"/>
 
Il fatto che tutto sia espresso ad unico livello, in tono uniforme, di certo impone delle restrizioni e pretende una giustificazione di tale tecnica eccentrica, che deve appaggiarsi alla potenza dell'autore nell'accumulare e trasmettere i particolari, sia di personaggi che di situazioni, che sono rese vigorosamente. L'effetto del tono monocorde può essere ipnotico, come anche l'oscillare della narrazione verso varie direzioni, spostandosi in modi differenti. Ma in tutta questa folle ''pastiche'', tra ''flashback'' avanti e indietro, raffigurazioni di famiglie e di circoli famigliari, si muove una sensazione tragica, il ''memento mori'' sostenuto più fieramente da Goldmann, di fronte alle vite introspettive, intemperanti, delle figure strane ma familiari che popolano questo romanzo.<ref name="Shab"/><ref>''Zikhron Devarim'' è considerato il primo romanzo scritto in un ebraico veramente vernacolare e nel 2005 venne nominato miglior romanzo ambientato a [[w:Tel Aviv|Tel Aviv]] dalla rivista ''Time Out Tel Aviv''. Ricevette plausi internazionali come opera unica di [[w:Modernità|modernità]], col critico letterario [[:en:w:Gabriel Josipovici|Gabriel Josipovici]] de ''[[w:The Independent|The Independent]]'' che lo dichiarò il più grande romanzo del decennio nel 1989, paragonandolo a ''[[w:Alla ricerca del tempo perduto|Alla ricerca del tempo perduto]]'' di [[w:Marcel Proust|Marcel Proust]]. Nel 2007 un sondaggio tra 25 editori israeliani di importanza, curatori e critici, ''Zikhron Devarim'' fu scelto come la migliore opera scritta in ebraico in Israele dalla sua fondazione nel 1948. Cfr. [http://www.nrg.co.il/online/5/ART1/588/676.html "The Ten Greatest Books", supplemento,] ''[[w:Maariv|Maariv]]'', 01/06/2007, pp. 50-52.</ref>
 
==Galleria di autori israeliani==
9 270

contributi