Differenze tra le versioni di "Identità e letteratura nell'ebraismo del XX secolo/Un nuovo inizio: la letteratura israeliana"

nessun oggetto della modifica
L'ebraico è molto semplice e non usa parole insolite nel linguaggio di tutti i giorni. Ma le differenze della versione inglese sono molteplici nella loro dipartita dall'originale letterale. "It rains" (piove) è una locuzione comune in inglese, mentre l'ordine delle parole in ebraico è importante. "Rain falls" (pioggia cade) è l'ebraico, mentre "falls rain" (cade la pioggia) sarebbe l'uso più comune, vicino anche all'interpretazione in italiano. La parola "friend" (amico) nella traduzione rappresenta l'ebraico "rea" che, come si è visto nella discussione dell'opera di Shamir, ha il significato di "vicino" o "compagno", non necessariamente un amico, o un conoscente, ma uno che condivide un destino comune. Riecheggia "Ama il prossimo tuo come te stesso" (Lev. 19:18; Matt. 19:19, ecc.).<ref name="Amichai"/> Una singolarità della strofa in ebraico viene omessa dall'inglese: la seconda e quarta riga si concludono col pronome relativo "chi", "i quali", "che", ponendo l'enfasi su una parola che normalmente non attrarrebbe attenzione. Ciò in ebraico mette le righe successive, cioè la terza e la quinta, in forte evidenza. L'inglese ha un punto alla fine della terza riga, mentre in ebraico c'è solo un trattino che collega le due parti. Inoltre, il senso continuativo di dissolvenza così reso in ebraico viene rafforzato dall'ultima parola della poesia, ''"od"'', che significa "più" (ingl. ''more'') o "più a lungo" (ingl. ''longer''), che nella traduzione inglese non viene reso. Tale parola anche in ebraico non ha normalmente questa enfasi. Comunque la differenza più significativa si ritrova nello spostamento del soggetto nell'ultima riga: l'ebraico letteralmente , dice "che non si coprono più", cioè i "compagni" non si coprono più la testa con coperte, perché sono morti. La semplice osservazione precisa del poeta nel creare una distinzione tra vita e morte sul campo di battaglia, viene neutralizzata nella versione inglese dal verbo al passivo. Nell'inglese non sono i compagni che fanno, o non fanno, qualcosa — è la pioggia piuttosto che viene evidenziata come soggetto principale. Uno spostamento considerevole viene quindi applicato alla traduzione, che trasforma totalmente la specificità ed il centro dell'originale in ebraico. Abbiamo pertanto notato qui sei differenze importanti tra originale e traduzione in una poesia di sole cinque righe (24 parole).<ref name="Amichai"/>
 
Questa difficoltà è sopra illustrata da una poesia che si distingue per la sua brevità, semplicità di linguaggio e universalità del tema. Se, anche nell'ambito di tali confini, il margine di differenza è così vasto, ci si può immaginare il divario quando la poesia usa un linguaggio più denso, e allude ad una situazione più localizzata o ad una connotazione storica più complessa. Amichai è un poeta relativamente facile da tradurre, specie in italiano che nella costruzione si avvicina maggiormante all'ebraico, ma anche quando compone versi in un linguaggio apparentemente (ma solo superficialmente) vicino ad un vernacolo gergale, è senza dubbio trasformato in traduzione. A giudicare dalla sua bibliografia integrale, Amichai è tradotto e pubblicato prima di tutto in lingua inglese, poi seguono il francese e lo spagnolo; in italiano le pubblicazioni sono relativamente scarse, ma troviamo traduzioni anche in [[w:lingua nepalese|lingua nepalese]]. L'inglese ha comunque la tendenza ad esprimersi a basso regime, serratamente, ma le sottili sfumature di enfasi, tono, cadenza, originalità devono apparire, altrimenti si perde il senso dell'originale ebraico. Secondo [[w:Walter benjamin|Walter Benjamin]], la lingua d'arrivo deve essere in qualche modo modificata nel corso di una traduzione ben riuscita, e cambiata del tutto in una traduzione storica. La lingua usata da Amichai sembra facile in traduzione, ma l'impressione è ingannevole.<ref name="Amichai"/><ref name="Ital">Per una visione critica e bibliografica generale in italiano, cfr. [http://testi-italiani.it/yehuda_amichai#Poetry "Yehuda Amichai"], in ''Testi Italiani''.</ref>
<!--- da sistemare ed inserire
<ref name="Amen">{{en}}[http://www.enotes.com/topics/amen Analisi poetica della raccolta di poesie ''Amen''].</ref>
 
:'''1'''
Mr. Beringer, whose son<br/>
fell at the Canal that strangers dug<br/>
so ships could cross the desert,<br/>
crosses my path at Jaffa Gate.<br/>
 
He has grown very thin, has lost
the weight of his son.
That's why he floats so lightly in the alleys
and gets caught in my heart like little twigs
that drift away.
 
2
As a child he would mash his potatoes
to a golden mush.
And then you die.
 
A living child must be cleaned
when he comes home from playing.
But for a dead man
earth and sand are clear water, in which
his body goes on being bathed and purified
forever.
 
:'''3'''
The Tomb of the Unknown Soldier
across there. On the enemy's side. A good landmark
for gunners of the future.
 
Or the war monument in London
at Hyde Park Corner, decorated
like a magnificent cake: yet another soldier
lifting head and rifle,
another cannon, another eagle, another
stone angel.
 
And the whipped cream of a huge marble flag
poured over it all
with an expert hand.
 
But the candied, much-too-red cherries
were already gobbled up
by the glutton of hearts. Amen.
 
:'''4'''
I came upon an old zoology textbook,
Brehm, Volume II, Birds:
in sweet phrases, an account of the life of the starling,
swallow, and thrush. Full of mistakes in antiquated
Gothic typeface, but full of love, too. "Our feathered
friends." "Migrate from us to warmer climes."
Nest, speckled egg, soft plumage, nightingale,
stork. "The harbirngers of spring." The robin,
red-breasted.
 
Year of publication: 1913, Germany,
on the eve of the war that was to be
the eve of all my wars.
My good friend who died in my arms, in
his blood,
on the sands of Ashdod. 1948, June.
 
Oh my-friend,
red-breasted.
 
:'''5'''
Dicky was hit.
Like the water tower at Yad Mordekhai.
Hit. A hole in the belly. Everything
came flooding out.
 
But he has remained standing like that
in the landscape of my memory
like the water tower at Yad Mordekhai.
 
He fell not far from there,
a little to the north, near Houlayqat.
 
:'''6'''
Is all of this
sorrow? I don't know.
I stood in the cemetery dressed in
the camouflage clothes of a living man: brown pants
and a shirt yellow as the sun.
 
Cemeteries are cheap; they don't ask for much.
Even the wastebaskets are small, made for holding
tissue paper
that wrapped flowers from the store.
Cemeteries are a polite and disciplined thing.
"I Shall never forget you," in French
on a little ceramic plaque.
I don't know who it is that won't ever forget:
he's more anonymous than the one who died.
 
Is all of this sorrow? I guess so.
"May ye find consolation in the building
of the homeland." But how long
can you go on building the homeland
and not fall behind in the terrible
three-sided race
between consolation and building and death?
 
Yes, all of this is sorrow. But leave
a little love burining always
like the small bulb in the room of a sleeping baby
that gives him a bit of security and quiet love
though he doesn't know what the light is
or where it comes from.
 
:'''7'''
Memorial Day for the war-dead: go tack on<br/>
the grief of all your losses--<br/>
including a woman who left you--<br/>
to the grief of losing them; go mix<br/>
one sorrow with another, like history,<br/>
that in its economical way<br/>
heaps pain and feast and sacrifice<br/>
onto a single day for easy reference.<br/>
 
Oh sweet world, soaked like bread<br/>
in sweet milk for the terrible<br/>
toothless God. "Behind all this,<br/>
some great happiness is hiding." No use<br/>
crying inside and screaming outside.<br/>
Behind all this, some great happiness may<br/>
be hiding.<br/>
 
Memorial day. Bitter salt, dressed up as<br/>
a little girl with flowers.<br/>
Ropes are strung out the whole length of the route<br/>
for a joing parade: the living and the dead together<br/>.
Children move with the footsteps of someone else's grief<br/>
as if picking their way through broken glass.<br/>
 
The flautist's mouth will stay pursed for many days.<br/>
A dead soldier swims among the small heads<br/>
with the swimming motions of the dead,<br/>
with the ancient error the dead have<br/>
about the place of the living water.<br/>
 
A flag loses contact with reality and flies away<br/>
A store window decked out with beautiful dresses for women<br/>
in blue and white. And everything<br/>
in three languages: Hebrew, Arabic and Death.<br/>
 
A great royal beast has been dying all night long<br/>
under the jasmine,<br/>
with a fixed stare at the world.<br/>
A man whose son died in the war<br/>
walks up the street<br/>
like a woman with a dead fetus inside her womb.<br/>
"Behind all this, some great happiness is hiding."''<br/><ref>It is said Amichai is a difficult poet to translate because he used a lot of
clever word play -- he would use similar sounding Hebrew words to bring
subtle (and not so subtle) twists in meaning. Obviously much of this was
lost in translation. "Seven Laments..." was translated by Stephen Mitchell
(who remains my favourite translator of Rilke) and Chana Bloch (who lives
and works in Berkeley, California). Chana Bloch and I exchanged email some
time ago about the work and life of this extraordinary person. She was
fortunate enough to spend extended periods of time with Amichai in Israel,
working on translations — cfr. [http://wonderingminstrels.blogspot.co.uk/2002/10/seven-laments-for-war-dead-yehuda.html Traduzione ufficiale in inglese dei "Sette Lamenti", dalla raccolta ''Amen''.</ref>
--->
==Galleria di autori israeliani==
<gallery>
9 272

contributi