Differenze tra le versioni di "Fisica classica/Moti relativi"

m
aggiunta intestazione
m (aggiunta intestazione)
{{capitolo
[[Fisica_classica/Energia_e_lavoro| Argomento precedente: Energia e lavoro]]
|Libro=Fisica classica
|NomeLibro=Fisica classica
|CapitoloPrecedente=Energia e lavoro
|NomePaginaCapitoloPrecedente=Fisica_classica/Energia e lavoro
|CapitoloSuccessivo=Dinamica dei sistemi di punti materiali
|NomePaginaCapitoloSuccessivo=Fisica classica/Dinamica_dei_sistemi_di_punti_materiali
}}
 
Nei sistemi di riferimento non inerziali le leggi della dinamica sono modificate e si manifestano delle forze che vengono chiamate '''fittizie''' o '''apparenti'''.
 
Un esempio facilmente comprensibile è quello mostrato nella figura a fianco nella porzione in alto. Una macchina di massa ''M'' con un passeggero di massa ''m'' in fase di accelerazione.
Il passaggero si sente schiacciare contro il sedile. Nel sistema di riferimento inerziale nonil vi è nessuna forza chesedile spinge il passaggero contro il sedile. Mentre nel sistema di riferimento non inerziale della macchina vi è una forza fittizia -m'''a''' che spinge il passeggero contro il sedile. Vi sono due modi possibili di analizzare il problema: