Laboratorio di chimica in casa/Estrazione del cromo dall'acciaio inox: differenze tra le versioni

{{...}}
[[File:Tanica rossa-arancione.svg|left|80px]]
I residui e la strumentazione utilizzati nelle reazioni coinvolgenti composti del cromo esavalente vanno trattate con agenti riducenti per convertire il Cr(VI) a Cr(III). Ciò aviene fatto prima di gettare i residui di precipitato trattati per estrarne cromati, e così anche qualsiasi altra sostanza contenente cromo esavalente. A questo scopo vanno bene i sali di ferro(II) come FeSO<sub>4</sub> o FeCl<sub>2</sub>.<br />
In questo modo il cromo ridotto a Cr(III) risulta notevolmente meno tossico del cancerogeno Cr(VI).
 
Utente anonimo