Differenze tra le versioni di "Laboratorio di chimica in casa/Il metodo del chimico"

==Ricerca==
{{Approfondisci|Laboratorio di chimica in casa/Risorse in rete|etichetta1=Risorse in rete}}
<div style="background-color:#FFFF80; border:2px solid #F0C020; padding:5px; margin-left:10px; margin-bottom:10px;">[[File:Faculty of education in thai-icon.png|left|44px]]
Il primo passo per utilizzare una sostanza in laboratorio è dunque raccogliere tutti i dati già raccolti da chimici esperti sulla determinata reazione o sostanza su cui si vuole sperimentare. </div>
{{Colonne}}
<div style="border:2px solid #F0C020; padding:5px; background-color:#A0FFFF;">La composizione dei [[DCD/P#Prodotto chimico|prodotti chimici]] e di altre sostanze sintetiche è spesso dichiarata nell'etichetta, anche in maniera quantitativa. Gli ingredienti vengono sempre elencati '''in ordine decrescente di percentuale''', cioè dall'ingrediente più presente a quello di cui ce n'è di meno. Se in essa non sono date informazioni precise, è sempre pubblicato un sito internet in cui è talvolta possibile reperire informazioni aggiuntive (non sempre però esaustive). <br />
La composizione degli imballaggi è quasi sempre rappresentata da una sigla o un codice in un triangolo stampata sul contenitore e per altre sostanze sintetiche come le leghe, le plastiche ed i collanti, la composizione chimica non è solitamente dichiarata sull'oggetto, ma è possibile trovare in internet siti che catalogano queste sostanze, i quali forniscono dati che aiutano a restringere il campo di ricerca.<ref>Esistono siti come L'AISI catalogano la composizione chimica delle diverse leghe, ed è possibile trovare numerose informazioni sulla possibile composizione chimica dei prodotti in cui non è necessario indicarla (come per l'{{I|Purificazione dell'alcol denaturato|alcol denaturato}}, la {{I|benzina}} ecc.).</ref>Talvolta basta digitarne il nome, aggiungendo [[DCD/M#Material safety data sheet|MSDS]] o cercando in inglese.<ref>Si tenga comunque presente che le informazioni su prodotti chimici in altre lingue possono dare dei valori diversi da quelli presenti nello stesso prodotto chimico commercializzato in Italia, per via delle diverse {{I|normative sui composti chimici}}.</ref>
 
Per prodotti biologici e naturali come minerali, prodotti vegetali (piante, spezie, farine, oli essenziali ecc.) ed animali (latticini, cere, ossa, sangue ecc.) la composizione chimica viene riportata in articoli scientifici (e spesso appositi libri o siti internet, come per i composti sintetici) ma spesso dipende da numerose variabili provenienza del campione, condizioni di vita per campioni biologici (clima, nutrimento, sole, età o periodo dell'anno, elementi di stress e shock ...) ecc. Si tenga presente quindi che le sostanze derivate direttamente da elementi naturali sono spesso miscele e la loro composizione può variare da campione a campione, sia quantitativamente che costituzionalmente.</div>
{{Colonne spezza}}
<div style="border:2px solid #F0C020; padding:5px; background-color:#A0FFB0;">Molto probabilmente tutte le reazioni chimiche eseguibili nel proprio laboratorio domestico sono già state eseguite, ma soprattutto studiate con metodi sofisticati. Ciò va comunque vista come una cosa molto positiva.
 
In primis qualsiasi reazione che dà effetti imprevisti può essere spiegata con l'ausilio di internet spesso accade che l'esito di un esperimento non sia quello desiderato, ma ciò che è più d'intralcio è non riuscire a capire cosa sia accaduto. Che prodotto ho ottenuto dalla mia reazione Perché non è andata come prevedevo Cosa posso imparare da questa mia esperienza Fare ricerche fra libri, riviste e siti internet è il modo più veloce ed esaustivo per risolvere i propri dubbi (ed imparare molto).</ref> Ciò risulta anche di grandissima utilità didattica, dato che l'esperimento fornisce un'esperienza viva nella mente di chi l'ha eseguita e facilmente collegabile a nuove nozioni, che vengono apprese durante le ricerche ed assorbite con molta facilità da chi sta imparando.</ref><br />
In maniera analoga a ciò che avviene per le sostanze incognite, anche gli aspetti teorici di composti, reazioni ed esperimenti dall'esito incognito sono spesso riportati in documenti o registrati in archivi. Essi talvolta trovano applicazioni in processi industriali e possono venire utili per spiegare altri fenomeni ed avviare altri esperimenti.