Differenze tra le versioni di "Fisica classica/Moti relativi"

m
solo un errore ortografico
m (aggiunta bibliografia)
m (solo un errore ortografico)
infine l'accelerazione dell'origine di ''B'' vale:
:<math>\mathbf{a}_{AB} = \frac{d^2}{dt^2} \mathbf{X}_{AB} </math>&ensp;<math>= \mathbf{ \Omega \ \times } \left( \mathbf{ \Omega \times X}_{AB}\right) </math>&ensp;<math>= - \omega^2 \mathbf{X}_{AB} \ .</math>
Quindi nel sistema di riferimento ''B'' deve essere introdotta una forza apparente, che 'è diretta radialmente in fuori dal centro di rotazione:
:<math>\mathbf{F}_{\mathrm{app}} = m \omega^2 \mathbf{X}_{AB} \ , </math>
di ampiezza:
:<math>|\mathbf{F}_{\mathrm{app}}| = m \omega^2 R \ . </math>
Nel caso del sistema ruotante la forza centrifuga dipendeva dalla distanza dall'origine di
''B'', nel sitemasistema ruotante dipende dalla distanza del centro di ''B'' dal suo centro di rotazione. Quindi oggetti diversi che si trovano in ''B'' sentono la stessa forza centrifuga.
==Bibliografia==
* {{cita libro||P. Mazzoldi, M. Nigro e C. Voci|Elementi di Fisica (Meccanica e Termodinamica)|2007|Edises|ISBN 978-88-7959-418-9|ed=2}}
 
[[Categoria:Fisica classica|Moti relativi]]
{{Avanzamento|100%|928 AgostoMarzo 20132014}}