Utente:Riccardo Rovinetti/Sandbox 30: differenze tra le versioni

Gli elementi sulla tavola periodica sono ordinati (da sinistra a destra e dall'alto al basso) in base a questo numero, chiamato '''numero atomico'''. Atomi con numero di protoni diverso sono elementi chimici diversi.<br />
[[File:Periodic table simple it bw (LCC 0).png|center|800px]]
Le altre particelle del nucleo, i neutroni, non influenzano le proprietà chimiche dell'elemento<ref>In realtà vi è una leggerissima differenza, ma a livelli di laboratorio domestico, o anche solo di laboratorio scolastico, essa è impercettibile.</ref> ed il loro numero può variare a seconda dell'elemento. L'ossigeno per esempio ha 8 protoni nel suo nucleo, ma nel suo nucleo può avere 8, 9 o 10 neutroni. Le sue proprietà chimiche sono sempre quelle dell'ossigeno, ma il suo peso è leggermente diverso. Atomi aventi stesso numero di protoni (quindi lo stesso elemento) ma aventi diverso numero di neutroni si chiamano '''isotopi'''. Il numero di isotopi è caratteristico di ogni elemento e quando supera un certo numero oppure è troppo basso, il nucleo atomico è instabile e tende a trasformarsi in un altro per [[w:DCD#Decadimento radioattivo|decadimento radioattivo]]. Per questo motivo in natura sono presenti principalmente gli isotopi stabili dei vari elementi.<br />
[[File:Protium deuterium tritium it.png|thumb|center|500px|L'idrogeno ha 3 isotopi conosciuti: il prozio, composto da solo 1 protone (che compone il 99,985% dell'idrogeno presente in natura), il deuterio, composto da un protone ed un neutrone (0,015%) ed il trizio, composto da un protone e due neutroni, che però è instabile e si trasforma in elio per [[w:Decadimento beta|decadimento beta]] con una vita media di 12 anni e 4 mesi.]]
{{Cassetto