Utente:Riccardo Rovinetti/Sandbox 30: differenze tra le versioni

|}
 
Le forze di attrazione dovute alla polarità ed alla geometria dei legami vengono chiamati '''dipoli permanenti''' e permettono alle molecole di essere attratte le une dalle altre tendendo ad aggregarsi. A queste si aggiungono altre forze di attrazione a corto raggio chiamati '''dipoli momentanei''', (o forze di Van der Waals) dovuti appunto al momentaneo sbilanciamento del nucleo atomico a causa delle vibrazioni della molecola, o degli elettroni spostati dai campi elettrici delle molecole vicinevicini:
Le forze di attrazione dovute alla polarità ed alla geometria dei legami vengono chiamati '''dipoli permanenti'''. Questi poli elettrici tengono le molecole le une vicine alle altre, permettendo al composto di aggregarsi nello stato liquido o solido. Tale fatto determina inoltre la solubilità di un composto in un altro: sostanze ioniche come i sali tenderanno a venire sciolti da solventi molto polari come l'acqua o gli acidi, mentre i composti apolari come gli idrocarburi tenderanno a venire sciolti da altri composti apolari o aventi una specifica polarità (esistono composti aventi carica elettrica non equamente distribuita nella molecola, come nell'acqua, ma concentrata in alcuni punti, come nei [[DCD#Sapone|saponi]] e nell'acetone<ref>L'acetone è una molecola in cui l'ossigeno (in rosso) è circondato dalla forte carica negativa dei suoi doppietti, mentre quella positiva è distribuita sul resto della molecola e quindi risulta meno concentrata.<br /> [[File:C3H6O.png|300px]]</ref>).
 
<gallery mode="packed-hover" heights="180">
LEGAME A IDROGENO IMMY - INTERAZIONE IONE-DIPOLO IMMY - ALTRO?
File:Molecole d'acqua.png|Il legame a idrogeno è uno dei più forti intermolecolari.
File:Na+H2O.svg|Legame ione-dipolo permanente
</gallery>
 
DIPOLO INDOTTO - DIPOLO-DIPOLO INDOTTO - FORZE DI LONDON - ALTRO?
A queste si aggiungono altre forze di attrazione a corto raggio chiamati '''dipoli momentanei''', dovuti appunto al momentaneo sbilanciamento del nucleo atomico a causa delle vibrazioni della molecola, o degli elettroni spostati dai campi elettrici delle molecole vicine:
 
[[File:Gecko Leaftail 1.jpg|right|250px]]
DIPOLO INDOTTO - FORZE DI LONDON - ALTRO?
Questi poli elettrici tengono le molecole le une vicine alle altre, permettendo al composto di aggregarsi nello stato liquido o solido (sono presenti anche allo stato gassoso, ma non esisterebbero i solidi e i liquidi se non esistessero i dipoli). I punti di fusione ed ebollizione delle molecole sono proporzionali ad essi. Anche i gas risentono: più una molecola gassosa è polare, più il gas sarà denso e facilmente condensabile.<br />
 
La polarità delle molecole ne determina inoltre la solubilità in un composto: sostanze ioniche come i sali tenderanno a venire sciolti da solventi molto polari come l'acqua o gli acidi, mentre i composti apolari come gli oli tenderanno a venire sciolti da altri composti apolari come la benzina.<br />
Ciò permette alle molecole molto grandi o molto pesanti di rimanere unite in solidi e liquidi ad alte temperature pur essendo apolari.
A livello macroscopico invece le interazioni intermolecolari si manifestano in effetti adesivi quali l'attrito, la viscosità dei liquidi e l'adesione di un materiale ad un altro: più un materiale presenta rugosità, più farà attrito (per esempio alcuni animali sono in grado di camminare sui muri grazie a peli sulle loro zampe come il geco), sarà facilmente incollabile (per esempio si graffiano le gomme delle biciclette con la carta vetrata prima di tappare i buchi con pezza e colla) e nel caso di un liquido, più è polare, più sarà più viscoso (per esempio l'acqua è meno polare e meno viscosa dell'acido solforico, e viceversa è più polare e più viscosa della benzina).
 
==La simbologia chimica==