Differenze tra le versioni di "Piemontese/Note di ortografia"

m
*''maj'', ''peuj'', ''euj'', ''roj'', ''i l'haj'' e tutte le finali con il suono '''[j]''' è meglio scriverle proprio con la "j": sono dittonghi semplici, ma a finale di parola la "j" è palesemente una semiconsonante e in piemontese esiste la lettera "j" proprio per questi casi. Le eccezioni da conservare sono i pronomi personali soggetto ''noi'' e ''voi'', che tradizionalmente sono scritti con la "i".
 
*'''ann e agn''': il plurale di ''ann'' è irregolare: dovrebbe essere sempre "ann", ma in realtà è "agn"<ref> per via dell'agglutinamento in "gn" dell'antica forma ''ani'', ancora diffusa in alcune varietà locali del piemontese.</ref>.
 
*'''òm''' è meglio della forma '''òmo'''/'''òimo''' che sono forme locali/arcaiche. ''òm'' sia al singolare che al plurale è la forma più semplice, più compresa e preferibile.
160

contributi