Differenze tra le versioni di "Peeragogia/Come organizzare un MOOC"

nessun oggetto della modifica
Non tutti MOOCs sono MOOCs (a volte chiamato cMOOCs ). Piattaforme come [https://www.coursera.org/ Coursera], [https://www.edx.org/ EDX] e [http://www.udacity.com/ Udacity] notoriamente offrono MOOCs che seguono un approccio centralizzato più tradizionale (a volte chiamato xMOOCs ). In quei xMOOCs un professore è in prima linea e l'apprendimento-esperienza è organizzato dall'alto verso il basso. Tuttavia, alcuni xMOOCs sembrano adottare un approccio più omogeneo. Per esempio, il corso di E-learning e "culture digitali" farà uso di spazi online oltre l'ambiente e la piattaforma Coursera incrementando la partecipazione a questo corso coinvolgendo un social web più ampio.
 
In questo capitolo ci concentreremo sui cMOOCs. Ci si potrebbe chiedere perché un corso vorrebbe essere 'massiccio'. Il pioniere dei cMOOC- Stephen Downes spiega che la sua attenzione è rivolta allo sviluppo di una struttura di rete, al contrario di una struttura di gruppo, per la gestione del corso. In una struttura di rete non vi è alcun punto centrale, per esempio, una discussione centrale. Questa è anche la ragione per cui egli ritiene che la cifra di 150 (partecipanti attivi), Numeronumero di Dunbar, è la linea di demarcazione, per parlare di 'massa':
 
Perché il numero di Dunbar? La ragione è che rappresenta il numero massimo (teorico) di persone con cui una persona può ragionevolmente interagire. Quanti blog può una persona leggere, seguire e rispondere a? Forse intorno alai 150, se Dunbar è corretto. Il che significa che se abbiamo 170 blog, - quindi i blog non costituiscono un 'core' - la gente comincia a essere selettiva e decide i blog che leggerà, o quelli che diverse sottocomunità (e interagenti) possono formare.
 
==Introduzione==
Tradizionalmente, gli studiosi distinguono tre principali categorie di teorie dell'apprendimento : comportamentismo, cognitivismo e costruttivismo. Qualcuno potrebbe aggiungereaggiungerne ununa quartoquarta: il connettivismo , ma questo punto è ancora contestato . Una interessante applicazione del connettivismo, una teoria di apprendimento e la pratica per l'era digitale, è il MOOC corso online.
 
==Una teoria dell'apprendimento per l'era digitale==
 
La teoria connettivista descrive l'apprendimento come un processo di creazione di connessioni e sviluppo delle reti. Esso si basa sul presupposto che la conoscenza esiste nel mondo, piuttosto che all'interno della mente di un individuo. ConnettivismoIl connettivismo vede la rete come metafora centrale per l'apprendimento, con un nodo della rete che è un concetto (dati, sentimenti, immagini, ecc.) che possonopuò essere significativamente correlato ad altri nodi. Non tutte le connessioni sono di pari forza in questa metafora, infatti, molte connessioni possono essere molto deboledeboli.
 
A livello pratico, questo approccio suggerisce che l'apprendimento dovrebbe concentrarsi su dove trovare informazioni (flussi), e come valutare e di mash up quei flussi, piuttosto che cercare di entrare in un sacco di (deperibili) le informazioni nel proprio cranio. Conoscere i tubi è più importante di sapere cosa esattamente ogni tubo contiene in un dato momento.
 
Stephen Downes e George Siemens promuovono l'idea del connettivismo. Essi praticano all'organizzazione di nuovi Massive Aperte Corsi online (MOOCs): ad esempio. Le persone sono libere di partecipare a volontà. Ogni settimana un tema è discusso durante le sessioni sincrone che vengono rilevate e caricate come riferimento sul sito [http://change.mooc.ca/ Change11]. Il sito comprende anche un archivio delle newsletter giornaliere e feed RSS del blog e tweet da parte dei partecipanti.
 
I MOOCs tendono ad essere molto partecipati. Le persone sono incoraggiate a perseguire i propri interessi e dia collegarsi con altrialtre persone che potrebbero aiutarliaiutarle. Ma la natura distribuita e libera dei progetti porta anche a reclami. I partecipanti spesso confondono le metodologie e i ruoli tentando di seguire tutte le discussioni (i facilitatori non dovrebbero cercare di seguire tutti i contenuti).
 
Stephen Downes spiega inche cosacos'è il Connettivismo è connettivismo: "Questo implica una pedagogia che:
* (a) si propone di descrivere le reti 'di successo' (così come individuare le loro proprietà, che sono caratterizzate da diversità, l'autonomia, l'apertura, e la connettività) e;
* (b) cerca di descrivere le pratiche che portano a tali reti, sia nel singolo che nella società (caratterizzato dal modello e fasi dimostrative (da parte di un insegnante) e la pratica e la riflessione (da parte di uno studente). "
4

contributi