Differenze tra le versioni di "Laboratorio di chimica in casa/Idrossido ferrico"

 
==Sintesi principale==
L'idrossido ferrico si forma per reazione tra un qualsiasi composto di ferro(III) ed un idrossido, ma può essere sintetizzato per ossidazione di sali di ferro(II). Alcune delle reazioni più convenienti sono:
 
*FeCl<sub>3 (aq)</sub> + 3 NaOH<sub>(aq)/(s)</sub> → Fe(OH)<sub>3</sub>↓ + 3 NaCl<sub>(aq)</sub>
 
Questa è la reazione più semplice, eseguibile con i materiali più comuni di reperire. L'idrossido ferrico, essendo insolubile in acqua, può essere separato dalla salamoia per semplice filtrazione.
Un'altra via di sintesi semplice è quella che impiega bicarbonato di sodio al posto della soda:
 
*FeCl<sub>3 (aq)</sub> + 3 NaHCO<sub>3 (aq)/(s)</sub> → Fe(OH)<sub>3</sub>↓ + 3 NaCl<sub>(aq)</sub> + 3 CO<sub>2</sub>↑
 
Quest'ultima reazione presenta il difetto di produrre velocemente tanto gas, che sottoforma di bolle può far schizzare la soluzione fuori dal contenitore. Per questo si consiglia di aggiungere il bicarbonato di sodio molto lentamente alla soluzione, la quale va tenuta in un contenitore alto, come una bottiglia.
 
Come già menzionato prima, può risultare conveniente anche usare un sale di ferro(II) per risparmiare reagenti. Il trucco è farli precipitare sotto forma di idrossido ferroso, e poi lasciare che questo si ossidi all'aria, in presenza di acqua.<ref>L'acqua non serve come ossidante, ma solo come idratante per evitare che si formino sottoprodotti come HFeO<sub>2</sub> ed Fe<sub>2</sub>O<sub>3</sub>.</ref>
 
*4 FeCl<sub>2 (aq)</sub> + 8 NaOH<sub>(aq)/(s)</sub> + O<sub>2 (g)</sub> + 2 H<sub>2</sub>O<sub>(l)</sub> → 4 Fe(OH)<sub>3</sub>↓ + 8 NaCl<sub>(aq)</sub>
 
==Sintesi alternative==