Differenze tra le versioni di "Insubre/Dialetti"

nessun oggetto della modifica
 
Nel presente corso si farà sempre riferimento al dialetto milanese, che è la variante letteraria codificata, indicando solo saltuariamente qualche notabile variante rustica.
 
Diamo qui solo un saggio di ognuna delle tre macrosezioni diverse dalla milanese, con la "traduzione" nella variante centrale:
 
'''Macrosezione alpina (Verbania-Sondrio)'''
 
Frammenti dalle opere di Carlo Bonadei (Sondrio 1822-1901):
 
{| width="100%"
|''So véc, l'è ora de pensà al ripos,<br/>E de tra lì de scriv in prosa e in vers:<br/>Tant l'è istess; a riflett l'è tut temp pers,<br/>Senza i fastidi, che s' se tira ados.''
||Sont vègg, l'è ora de pensà a requià,<br/>E de pientalla lì de scriv in proeusa e in vers:<br/>Tant l'è istess; a riflett l'è tutt temp pers,<br/>Senza cuntà i fastidi che se se tira indoss.
|}
 
''[...]''
 
{| width="100%"
|''Formass!... L'è fada!... In duu i g'ha fatt la festa;<br/>Quist col bolàl masson, quii clerical;<br/>Luu 'l se strimiit e l'ha perdùt la testa.''
||Formass!... L'è fada!... In duu gh'hann faa la festa;<br/>Quisti chì cont el bollall masson, quij clericaj;<br/>Luu el s'è stremii e l'ha perduu la testa.
|}
 
<!--[[Immagine:Distribuzione_Insubre.GIF]]-->
44

contributi