Insubre/Letture: differenze tra le versioni

... la me guarda... la me bronca
 
ona man...<ref>I gesti muti di questa donna valgono più di una risposta verbale. Il dramma della signora Gussoni coinvolge totalmente l'emotività del poeta.</ref> «Robba de pocch...
ona man... «Robba de pocch...
uff... l’è nient...<ref>Il termine ''nient'' è più garbato, e adatto alla delicatezza della situazione, rispetto al volgare ''nagòtta''.</ref> el passa... el passa...»
Nò... la dis de nò...<ref>Il tentativo dell'uomo di consolarla è troncato dalla chiara comprensione che la donna ha dell'avvicinarsi della morte.</ref> la biassa,
la mastega, la fa mocch,
 
 
la pò pu... l’è sassinada
chì in la lengua<ref>Letteralmente "è assassinata qui nella lingua". Una frase non lontana dallo stile espressivo quotidiano milanese, che spesso associa la gestualità alle parole e colloca nelle varie parti del corpo ciò che avviene in realtà alla persona intera. Ad esempio: ''l'è tocch in del nomine-patris''.</ref>... pu parlà...
chì in la lengua... pu parlà...
pu.<ref>Una lunga agonia di suoni sembra essere il tentativo del poeta di dar voce a quella povera donna che ha qualcosa da dire ma non può più parlare.</ref> La volta el coo in là
pu. La volta el coo in là
e la fa giò ona lucciada<ref>''La fà giò ona lucciada''="fa colare una lacrima".</ref>.
</poem>
 
44

contributi