Utente:Riccardo Rovinetti/Sandbox 12: differenze tra le versioni

Quando il nostro [[w:Sistema solare|sistema solare]] ha iniziato a formarsi e a raffreddarsi, i gas che pian piano andavano ad accrescere i pianeti si combinavano fra loro, generando sostanze diverse che sono poi andate a formare l'[[w:Atmosfera|atmosfera]] di alcuni pianeti, la loro [[w:Crosta (esogeologia)|crosta]] ed i loro strati interni.<br />
Con la comparsa delle prime forme di vita si hanno già molti casi di reazioni chimiche e molecole estremamente complesse, mentre i minerali nel sottosuolo acquisivano la forma cristallina che oggi possiamo osservare nelle [[w:Geode|geodi]] o nei [[w:Diamante|diamanti]].<br />
È nell'[[w:Età dei metalli|età dei metalli]], circa 8000 anni fa, che l'uomo inizia a sfruttare le trasformazioni della materia e a studiare i loro meccanismi. I primi di questi furono la fusione dei metalli e la sintesi di alcune leghe. Nei seguenti millenni si susseguirono scoperte in ambito chimico sempre più sofisticate, tra cui gli estratti delle piante, l'arrostimento dei minerali solfureisulfurei, la produzione di acciaiovetro e di vetroacciaio, la polvere da sparo, i veleni...<br />
[[File:JosephWright-Alchemist.jpg|right|200px]]
PiùFin avantidagli nellaalbori storia,della civiltà l'uomo inizia ad attribuireattribuì alle trasformazioni della materia fattori magici e divini, così attorno al V secolo a.C. nascenacque la progenitrice della chimica, l' [[w:alchimia|alchimia]], che saràfu praticata per secoli fino all'invenzione del [[w:Metodo scientifico|metodo scientifico]], che avvierà la sua graduale scomparsa.<br />
Essa era una scienza mista alla religione ed alla filosofia, in cui gli esperimenti erano un misto fra veri e propri studi scientifici e riti magici. Troviamo infatti un grande uso del simbolismo ed un costante riferimento alla teologia nei libri scritti dai vari alchimisti (tra cui ricordiamo [[w:Isaac Newton|Newton]], per dare un'idea di quanto recente sia la scomparsa di tale pratica).<br />
Gli alchimisti puntavano a trasformare la materia in sostanze miracolose come l'alkahest (il solvente che tutto può sciogliere), la pietra filosofale in grado di trasformare il piombo in oro e l'elisir di lunga vita che fornisce l'immortalità.<br />
Si credeva che il soggetto che fosse intenzionato a trasformare la materia, potesse intervenire nella trasformazione con il suo stato di coscienza ed è per questo che l'alchimia non è considerata una scienza.<br />
Purtuttavia essendo una pseudoscienza, gli alchimisti che la praticavano hanno portato avanti lo studio delle sostanze e dei materiali, dai gas ai minerali; e molti dei metodi, degli strumenti, degli elementi e delle sostanze chimiche più importanti sono stati studiati quando l'alchimia era la scienza delle trasformazioni della materia.<br />
[[File:David - Portrait of Monsieur Lavoisier and His Wife.jpg|left|200px]]
Con l'[[w:Illuminismo|illuminismo]] la chimica inizia a svilupparsi come scienza distaccataseparata dalla filosofia e dalla religione, e la struttura e proprietà della materia diventano sempre meglio conosciute. Dagli inizi del '700 fino alla fine dell' '800 vengono inventate o scoperte una grande quantità di sostanze chimiche, tecniche ed attrezzature da laboratorio, che andranno a costituire i primi fondamenti della chimica che oggi conosciamo. <br />
In fineInfine, a partire dal '900 la chimica viene avvicinata dalla [[w:Fisica|fisica]], o più precisamente da una sua nuova branca detta [[w:Meccanica quantistica|meccanica quantistica]], e fu la scienza che ne svelò gli ultimi segreti, fornendo verso gli anni trenta un modello preciso e realistico della meccanica e dell'intima struttura della materia.<br />
 
L'obiettivo del chimico comunque è rimasto lo stesso per gli alchimisti ed i chimici di un tempo: produrre nuove sostanze utiliatte alle più svariate applicazioni: dalla metallurgia alla propriamedicina, saluteall'agricoltura, alall'edilizia, proprioalla benesserecosmetica, alla edconservazione aldei propriocibi guadagnoecc.<br />
Al giorno d'oggi gli obiettivi di un chimico sono aumentati, e la chimica si è divisa in decine di branche diverse ([[w:chimica fisica|chimica-fisica]], [[w:Biochimica|biochimica]], [[w:Green chemistry|green chemistry]], [[w:Astrochimica|astrochimica]], [[w:Chimica industriale|chimica industriale]], [[w:Farmacologia|chimica farmaceutica]], [[w:Chimica nucleare|chimica nucleare]] ecc.), ma è proprio lo studio di questa materia che ha in oltre permesso all'uomo di ottenere una grandissima quantità di informazioni sulla storia e sulle proprietà delle sostanze che compongono tutto l'universo (esseri viventi compresi), per poterle usare a proprio vantaggio.
 
Utente anonimo