Utente:Riccardo Rovinetti/Sandbox 12: differenze tra le versioni

== Introduzione ==
 
La '''[[w:chimica|chimica]]''' è la scienza che studia la struttura e la composizione della materia, le trasformazioni che essa subisce e l'energia coinvolta in tali trasformazioni (odette reazioni chimiche). Storicamente viene preceduta dall'[[w:alchimia|alchimia]], praticata sin dall'antichità e rimasta la stessa fino al '800reazioni in Europa, una scienza simile alla chimica che puntava a trasformare la materia solitamente per ottenere sostanze miracolose come lchimiche'alkahest (il solvente che tutto può sciogliere), la pietra filosofale (in grado di trasformare il piombo in oro) e l'elisir di lunga vita (che fornisce l'immortalità),. con metodiche a metà via tra gli esperimenti scientifici e i riti magici (il simbolismo, il mito e il misticismo sono costantemente presenti nei manuali di alchimia dagli egizi fino al Romanticismo europeo).
 
Storicamente viene preceduta dall'[[w:alchimia|alchimia]], conosciuta sin dai tempi degli [[w:Egizi|egizi]] e praticata fino all'invenzione del [[w:Metodo scientifico|metodo scientifico]].<br />
Pur essendo una pseudoscienza, coloro che praticavano l'alchimia -gli alchimisti- hanno portato avanti lo studio delle sostanze e dei materiali, dai gas ai minerali ed ai metalli, e molti dei metodi, degli strumenti, degli elementi e delle sostanze chimiche più importanti sono state studiate appunto dagli alchimisti molto prima dell'avvento del [[w:Metodo scientifico|metodo scientifico]] di Galileo; ad esempio, l'[[w:Acido cloridrico|acido cloridrico]], l'[[w:Alambicco|alambicco]], i [[w:Nitrato|nitrati]], lo [[w:Zolfo|zolfo]], l'[[w:Urea|urea]], il [[w:Mercurio|mercurio]], la [[w:Saponificazione|saponificazione]], l'[[w:Acqua regia|acqua regia]] e la [[w:Distillazione|distillazione]] sono stati scoperti in epoche diverse dagli alchimisti.
Essa era una scienza mista alla religione ed alla filosofia, in cui gli esperimenti erano un misto fra veri e propri studi scientifici e riti magici.
Gli alchimisti puntavano a trasformare la materia in sostanze miracolose come l'alkahest (il solvente che tutto può sciogliere), la pietra filosofale in grado di trasformare il piombo in oro e l'elisir di lunga vita che fornisce l'immortalità.
Pur essendo una pseudoscienza, gli alchimisti che la praticavano hanno portato avanti lo studio delle sostanze e dei materiali, dai gas ai minerali, e molti dei metodi, degli strumenti, degli elementi e delle sostanze chimiche più importanti sono state studiate appunto dagli alchimisti molto prima dei primi veri esperimenti scientifici.
Con l'[[w:Illuminismo|illuminismo]] la chimica inizia a svilupparsi come scienza distaccata dalla filosofia e dalla religione, e la struttura e proprietà della materia diventano sempre meglio conosciute. Dagli inizi del '700 fino alla fine dell' '800 vengono inventate o scoperte una grande quantità di sostanze chimiche, tecniche ed attrezzature da laboratorio, che andranno a costituire i primi fondamenti della chimica che oggi conosciamo.
In fine, a partire dal '900 la chimica viene avvicinata dalla [[w:Fisica|fisica]], o più precisamente da una sua nuova branca detta [[w:Meccanica quantistica|meccanica quantistica]], e fu la scienza che ne svelò gli ultimi segreti, fornendo verso gli anni trenta un modello preciso e realistico della meccanica e dell'intima struttura della materia.
 
L'obiettivo del chimico comunque è rimasto lo stesso per gli alchimisti ed i chimici di un tempo: produrre sostanze utili alla propria salute, al proprio benessere ed al proprio guadagno.<br />
=== Chimica e fisica ===
Al giorno d'oggi gli obiettivi di un chimico sono aumentati, e la chimica si è divisa in decine di branche diverse, ([[w:chimica fisica|chimica-fisica]], [[w:Biochimica|biochimica]], [[w:Green chemistry|green chemistry]], [[w:Astrochimica|astrochimica]], [[w:Chimica industriale|chimica industriale]], [[w:Farmacologia|chimica farmaceutica]], [[w:Chimica nucleare|chimica nucleare]] ecc.)
 
Questo libro tratta dei concetti fondamentali di chimica trattati a livello di scuole superiori, che gli permetteranno di accedere ai livelli di studio più avanzati.
La differenza tra chimica e fisica è sottile, l'una è parte integrante dell'altra.
Dire che la chimica è lo studio della materia non è esatto, dato che anche la fisica studierebbe lo stesso ambito. Si può dire quindi che la chimica è un campo più ''specifico'' della fisica; spesso le scienze vengono classificate per "dimensione" degli oggetti studiati, e nel nostro caso la chimica si occupa delle proprietà fisiche di oggetti di massa misurabile in [[w:Dalton (unità di misura)|Dalton]] e di dimensioni misurabili in [[w:Ångström|angstrom]]. A queste caratteristiche corrispondono le cosidette '''specie chimiche''', cioè gli atomi, le molecole e gli ioni. Una piccola eccezione è costituita dalle macromolecole, come le [[w:Proteina|proteine]] ed i [[w:Polimero|polimeri]], molecole pesanti migliaia di dalton e di dimensioni che talvolta sfiorano il micrometro, le cui proprietà sono tuttavia ancora spiegabili tramite quelle dei loro singoli componenti (gli atomi o i monomeri che le costituiscono).
 
Le leggi fisiche e quantistiche ci servono a spiegare le proprietà intime delle molecole e delle reazioni chimiche, intese come oggetti materiali le cui proprietà possono essere spiegate dalle leggi dei campi elettrici, del moto e dell'energia; per questo chimica e fisica si fondono spesso nei vari argomenti; viaggiano, per così dire "a braccetto".