Differenze tra le versioni di "Piemontese/Articoli"

nessun oggetto della modifica
| || Articoli determinativi || Articoli indeterminativi
|-
| Maschile singolare || L'l ël lë l' || N'n ën në n'
|-
| Maschile plurale || J'j ij jë j' || Dj'd ëd dë d'
|-
| Femminile singolare || Lala l' || Nana n'
|-
| Femminile plurale || Lele j' || Dledle dj'
|}
*Gli articoli indicano il genere e il numero del sostantivo.
*Gli articoli determinativi si usano per persone e cose note, di cui si è gia parlato.
*Gli artcoliarticoli indeterminativi si usano per persone e cose di cui non si è ancora parlato.
*In piemontese l'articolo partitivo italiano è considerato articolo indeterminativo plurale.
*Gli articoli in piemontese si usano possibilmente sempre, sia quando il sostantivo è soggetto, sia quando è complemento, ma non va davanti agli aggettivi possessivi, davanti ai nomi di città e piccola isola, davanti ai titoli (Madama, monsù, re, prinsi, president...) o ai legami di parentela accompagnati dal solo nome proprio (Mà Catlin-a, pà Giaco, barba Stev, magna Berta...).
*Gli articoli maschili singolari "l" ed "n", non hanno vocale perché si pronunciano assieme alle parole della frase e quando è scomodo si aggiunge una semivocale che può essere la "a", la "e", la "u" (quest'ultima solo per "n") a seconda delle parlate. Per "mettere tutti d'accordo" questa grammatica lascia al lettore il compito di mettere la semivocale che preferisce e la grafia proposta è semplicemente "l" ed "n".
 
[[Categoria:Piemontese| Articoli]]
Utente anonimo