Utente:Riccardo Rovinetti/Sandbox 12: differenze tra le versioni

Nessun oggetto della modifica
 
La differenza tra chimica e fisica è sottile, l'una è parte integrante dell'altra.
Dire che la chimica è lo studio della materia non è esatto, dato che anche la fisica studierebbe lo stesso ambito. Si può dire quindi che la chimica è un campo più ''specifico'' della fisica; spesso le scienze vengono classificate per "dimensione" degli oggetti studiati, e nel nostro caso la chimica si occupa delle proprietà fisiche di oggetti di massa misurabile in [[w:Dalton (unità di misura)|Dalton]] e di dimensioni misurabili in [[w:Armstrong|armstrong]]. A queste caratteristiche corrispondono le cosidette '''specie chimiche''', cioè gli atomi, le molecole e gli ioni. Una piccola eccezione è costituita dalle macromolecole, come le [[w:Proteina|proteine]] ed i [[w:Polimero|polimeri]], molecole pesanti migliaia di dalton e di dimensioni che talvolta sfiorano il micrometro, le cui proprietà sono tuttavia ancora spiegabili tramite quelle dei loro singoli componenti (gli atomi o i monomeri che le costituiscono).
 
Le leggi fisiche e quantistiche ci servono a spiegare le proprietà intime delle molecole e delle reazioni chimiche, intese come oggetti materiali le cui proprietà possono essere spiegate dalle leggi dei campi elettrici, del moto e dell'energia; per questo chimica e fisica si fondono spesso nei vari argomenti; viaggiano, per così dire "a braccetto".