Differenze tra le versioni di "Propulsione Aerea/Capitolo IV°"

Purtroppo in pratica mentre è relativamente facile ed agevole realizzare trasformazioni più o meno isoentropiche è pressoche impossibile realizzare le isoterme pei motivi detti a suo tempo; i numerosi tentativi sono sempre falliti.<br />
E' necessario accontentarsi di rendimenti più bassi relativi ad altri cicli ''possibili'' e di effettiva realizzazione pratica.<br />
Il ciclo ideale di '''Otto''', Fig.13<sub>b</sub>, consta di due isoentropiche e due isometriche: '''0-1''' isoentropica di compressione; '''1-2''' isometrica con introduzione del calore '''Q<sub>1</sub>''' (fase di scoppio); '''2-3''' isoentropica di espansione; '''3-0''' isometrica con cessione di calore '''Q<sub>0</sub>''' (scarico).
 
::::::::Figura 13<sub>b</sub>
 
Il ciclo ideale [[w:ciclo Brayton|Brayton]], Fig.13<sub>c</sub>, è invece costituito da due isoentrtopiche e due isobare: '''0-1''' isoentropica di compressione ; '''1-2'''isobara con introduzione del calore '''Q<sub>1</sub>''' (fase di combustione); '''2-3''' isoentropica di espansione; '''3-0''' isobara con cessione del calore '''Q<sub>0</sub>''' (scarico).
 
:::::::::Figura 13<sub>c</sub>
 
Si ha:
 
::::::<math>\ Q_1=C_v(T_2-T_1)\qquad Q_0=C_v(T_3-T_0)</math>
 
per il ciclo Otto, e
 
::::::<math>\ Q_1=C_p(T_2-T_1)\qquad Q_0=C_p(T_3-T_0)</math>
 
per il tipo Brayton.