Differenze tra le versioni di "Rumeno/Pronuncia e alfabeto"

nessun oggetto della modifica
* l'iato
**''r'''ea'''l'' (reale), ''c'''oa'''for'' (parrucchiere), '''''ae'''roport'' (aeroporto), ''c'''ai'''să'' (albicocca), ''alc'''oo'''l'' (alcol), ''f'''ii'''nță'' (essere), ''id'''ee''''' (idea), ''p'''oe'''z'''ie''''' (poesia)
 
==L'accento==
 
In rumeno, come in italiano, l'accento non è fisso.Le parole sono divise in quattro gruppi a seconda della posizione in cui cade l'accento:
* tronche, ultima sillaba: ''pop'''ó'''r'' (popolo), ''car'''á'''cter'' (carattere)
* piane, penultima sillaba: ''c'''á'''rte'' (libro), ''acad'''é'''mie'' (accademia), ''frângh'''í'''e'' (corda)
* sdrucciole, terzultima sillaba: ''m'''á'''rgine'' (bordo), ''s'''á'''rcină'' (gravidanza), ''prevedérile'' (le disposizioni)
* bisdrucciole, trisdrucciole: ''v'''é'''veriță'' (scoiattolo), ''d'''ó'''isprezece'' (dodici), ''d'''ó'''ctoriță'' (dottoressa)
Le parole in rumeno sono comunemente tronche o piane.Di solito, le parole che finiscono in consonante hanno l'accento sull'ultima sillaba ''felin'''á'''r'' (lanterna); invece quelle che terminano in vocale hanno l'accento sulla penultima sillaba ''fem'''é'''ie'' (donna).Quando l'ultimo suono della parola è '''a''' (eccetto quando '''a''' è articolo), l'accento cade sull'ultima sillaba ''tremur'''á''''' (tremava).Le parole bisdrucciole sono poco frequenti e quelle trisdrucciole sono estremamente rare.
Nella scrittura, l'accento non viene segnato di solito.Però, per evitare errori o confusioni, si può usare l'accento acuto ( ´ ).
161

contributi