Differenze tra le versioni di "Greco antico/Futuro"

nessun oggetto della modifica
=== Paradigmi del sistema del futuro attivo e medio ===
 
In greco, a differenza di quanto accade nel latino classico, il futuro si forma sul tema verbale. Si coniuga in quattro modi, due finiti, [[w:indicativo|indicativo]] e ottativo, e due indefiniti, infinito e participio. Il tema temporale della forma attiva e media del futuro è ben distinto da quello della forma passiva, e si divide in quattro sottospecie:
 
* il ''futuro [[w:sigma|sigmatico]]'', tipico delle radici verbali in vocale, in dittongo, in consonante muta, e caratterizzato dal suffisso temporale '''{{polytonic|σο}}''' '''{{polytonic|σε}}''' -in pratica si coniuga come il presente indicativo;
 
* il ''futuro asigmatico o contratto'', tipico delle radici verbali in consonante liquida e nasale (tranne '''{{polytonic|κέλλω}}''' e '''{{polytonic|κύρω}}'''), è in realtà un futuro sigmatico col suffisso in '''-{{polytonic|εσο}}''' '''-{{polytonic|εσε}}''', soltanto che perde il sigma intervocalico, dando luogo a contrazione sistematica delle desinenze verbali con il relitto del suffisso originario -{{polytonic|ε}}-;
 
* il ''futuro [[w:dialetto dorico|dorico]]'', tipico di pochi verbi, ha il suffisso '''-{{polytonic|σεο}}''' '''-{{polytonic|σεε}}''' ed è soltanto di forma media, con significato attivo;
 
* il ''futuro senza caratteristica'', tipico di tre verbi anomali, non ha alcun suffisso, tranne la vocale tematica.
|-
!''Participio''
| {{polytonic| λύσων}}, {{polytonic|λύσουσα}}, {{polytonic|λύσον}}|| {{polytonic| λυσόμενος}}, {{polytonic|λυσομένη}}, {{polytonic|λυσόμενον}}
|}
 
==== Futuro contratto ====
 
Il futuro contratto è caratteristico dei verbi il cui tema termina in consonante liquida ({{polytonic|λ}}, {{polytonic|ρ}}) o nasale ({{polytonic|μ}}, {{polytonic|ν}}). Si tratta sempre di un futuro sigmatico, che però ha subito alcuni mutamenti fonetici: poiché il greco mal tollera l'incontro tra il {{polytonic|σ}} e una liquida o una nasale, tra il tema verbale e la caratteristica -{{polytonic|σε}}-/-{{polytonic|σο}}- del futuro sigmatico inserisce un -{{polytonic|ε}}-. Tale inserzione (detta anaptissi) genera i gruppi -{{polytonic|εσε}}-/-{{polytonic|εσο}}- nei quali il -{{polytonic|σ}}-, divenuto intervocalico, scompare e le due vocali in iato si contraggono. In questo modo il futuro contratto presenta una flessione identica a quella dei verbi contratti in -έω al presente. Un esempio è la flessione di {{polytonic|φαίνω}} (tema verbale {{polytonic|φαν}}-).
 
Coniugazione dei modi finiti
|-
!''Participio''
| {{polytonic| φανῶν}}, {{polytonic|φανοῦσα}}, {{polytonic|φανοῦν}}|| {{polytonic| φανόμενος}}, {{polytonic|φανομένη}}, {{polytonic|φανόμενον}}
|}
 
==== Futuro attico ====
 
È un tipo di futuro tipico del dialetto attico. È tipico principalmente di quasi tutti i temi in -{{polytonic|ίζω}}, ma si può anche trovare con alcuni in -{{polytonic|άζω}} e infine alcuni temi bisillabici in vocale {{polytonic|α}}/{{polytonic|ε}} preceduta da liquida(λ, ρ) o nasale(μ, ν).
 
Nei primi due gruppi si ha la caduta del gruppo δσ che si viene a formare con l'incontro del tema e il suffisso -σ- e contrazione tra vocale del tema e desinenza.
 
==== Futuri senza caratteristica e presenti usati come futuri ====
Esistono pochissimi verbi con una formazione del futuro priva di qualsiasi caratteristica morfologica particolare. Possiamo citare {{polytonic|ἔδομαι}}, futuro di {{polytonic|ἐσθίω}} "mangiare", e {{polytonic|πίομαι}}, futuro di {{polytonic|πίνω}} "bere". Altri verbi utilizzano il presente anche in luogo del futuro come {{polytonic|εἶμι}} "vado"/"andrò" e {{polytonic|χέω}}/{{polytonic|χέομαι}} "verso"/"verserò".
 
===== Futuri non derivati dal tema del presente =====
! Presente || Futuro || Tema verbale
|-
| {{polytonic|ἔρχομαι}} "venire" || ἐλεύσομαι || ἐλευθ-
|-
| λέγω "dire" || ἐρῶ || ἐρ-
98

contributi