Latino/Grado superlativo: differenze tra le versioni

 
=== Superlativi perifrastici e con prefissi ===
Non è raro che in latino i superlativi, anche per quegli aggettivi che permettono regolari suffissi, si formino:
* '''perifrasticamente''', ossia premettendo agli aggettivi in grado positivo '''avverbi''' atti a rendere il valore superlativo, come ''vale'', ''sane'', ''admodum'' etc.
 
Così possono trovarsi affiancate forme regolari (ad esempio ''nobilissimus, -a, -um'') e forme perifrastiche (''valde nobilis, -e'');
 
* '''con i prefissi ''per'' e ''prae''''', che si premettono agli aggettivi in grado positivo, rendendoli del tutto identici nel significato ai superlativi regolari.
 
Ad esempio, l'aggettivo ''clarus, -a, -um'', il cui superlativo normalmente sarebbe ''clarissimus, -a, -um'', presenta anche la forma '''''prae'''clarus, -a, -um''.
 
=== Avverbi superlativi ===