Differenze tra le versioni di "I promessi sposi/Capitolo 7"

m
fix
(creo stub. Testo da s:I_promessi_sposi/Capitolo_VII)
m (fix)
 
- Aspettate, aspettate: vo e torno. Ma perché venire a quest’ora?
- Gli ho ricevuti, anch’io, poco fa; e ho pensato, come vi dico, che, se li tengo a dormir con me, non so di che parere sarò domattina. Però, se l’ora non vi piace, non so che dire: per me, son qui; e se non mi volete, me ne vo.
- No, no, aspettate un momento: torno con la risposta. Così dicendo, richiuse la finestra. A questo punto, Agnese si staccò dai promessi, e, detto sottovoce a Lucia: - coraggio; è un momento; è come farsi cavar un dente, - si riunì ai due fratelli, davanti all’uscio; e si mise a ciarlare con Tonio, in maniera che Perpetua, venendo ad aprire, dovesse credere che si fosse abbattuta lì a caso, e che Tonio l’avesse trattenuta un momento.|Fonte: [[s:I_promessi_sposi/Capitolo_{{{num_cap}}}Capitolo_VII|→ Wikisource]]}}
 
<references />