Differenze tra le versioni di "Storia di Roma/La crisi della Repubblica"

m
m (Annullate le modifiche di 84.221.142.80 (discussione), riportata alla versione precedente di 94.166.49.91)
Il senato affidò il comando della spedizione contro Mitridate a Silla, ex lungotenente di Mario; ma i cavalieri e i popolari riuscirono a far annullare la decisione e far affidare la missione a Mario. Silla non accettò la revoca e '''marciò sulla capitale''' con le sue sei legioni. Questo fatto è molto significativo poiché per la prima volta l'esercito on viene usato per difendere lo stato, ma per imporre la volontà di un comandante. Mario e i suoi alleati scapparono e Silla si mise in viaggio per combattere Mitridate.
Dopo la partenza di Silla a Roma i popolari si riorganizzarono sotto la guida di Mario e di [[w:Lucio Cornelio Cinna (console 87 a.C.)|Lucio Cornelio Cinna]] eletto console nell'87 a.C. Cinna occupò con delle truppe arruolate tra i Sanniti ed eliminò gli avversari politici; per due anni, dopo la morte di Mario, esercitò una dittatura sulla città finché non venne ucciso. Silla nel frattempo, dopo aver battuto Mitridate con la pace di Dardano nell' 85 a.C. si trattenne in Grecia fino al suo ritorno in Italia nell' 83 a.C. Al suo ritorno si scatenò una sanguinosa ''guerra civile'' tra i sostenitori di Mario e quelli di Silla; finché non prevalse Silla nella battaglia di Porta Collina nell'82 a.C. conquistando Roma per la seconda volta.
La vendetta si Silla fu spietata, infatti per la prima volta furono pubblicate le [[w:liste di proscrizione|'''liste di proscrizione''']], ovvero liste che contenevano i nomi dei << nemici pubblici>>, che potevano essere uccisi e a cui venivano confiscati i beni e rivenduti a prezzi bassissimi. Inoltre Silla assunse il titolo di Felix (chi ha la protezione degli dei) e si fece eleggere '''dittatore a tempo indeterminato'''; si trattava dunque di una ''dittatura politica'' per combattere gli avversari interni, o meglio un vero e proprio colpo di statoStato.
Ma Silla introdusse anche delle riforme:
* aumentò il numero dei senatori ( da 300 a 600) aprendo il senato anche ai cavalieri con maggior prestigio