Differenze tra le versioni di "I promessi sposi/Analisi del capitolo 12"

Assume sempre maggior importanza il "personaggio collettivo" della '''folla''' che, persa la sua natura di aggregazione di individui, è diventata un'unica forza (tanto da essere più volte paragonata ad un ''torrente'' o ad una ''tempesta''). Per rendere questa idea il Manzoni ricorre a pronomi indefiniti o forme generiche (''qualcuno'', ''c'era chi'', ''chi... uno... un altro...''), e i discorsi tra persone si riducono a semplici voci dette da nessuno e da tutti.
 
== ASono partirenoiosi dallai narrazionepromessi sposi ==
Sabato 11 novembre 1628<br/>
;''La carestia''
Utente anonimo