Differenze tra le versioni di "Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Colombia"

nessun oggetto della modifica
m (Bot: Standardizzazione stile delle date)
La guerra attuale che si combatte in Colombia (e anche in Stati limitrofi, talvolta) non è che l'ultima di tante che la nazione ha conosciuto, fin dalla guerra di Indipendenza, retta dal generale Simon Bolivar con i suoi patrioti del Gran Colombia (che comprendeva anche Venezuela, Ecuador, e Panama). Il 7 agosto 1819 divennero indipendenti dal dominio spagnolo, ma l'unione durò poco allorché nel 1830 Ecuador e Venezuela dichiararono a loro volta l'indipendenza.
 
Vi sono state da allora numerose guerre di confine con gli ex-fratelli di lotta o con altre nazioni limitrofe. Attualmente c'é alta tensione con il Venezuela di Chavez, per esempio, che è orientato politicamente in maniera ben diversa da Uribe. Negli anni '80 gli USA si impegnarono ad aiutare la Colombia in funzione anti-narcos, anche con materiali moderni come gli UH-60 Blackhawk, elicotteri molto importanti per muoversi attraverso la 'selva'. Ma nel '96 dovettero fermarsi dati i problemi politici insorti, fino a che il 1 agosto 1997 arrivò un nuovo accordo anti-narcos, ma cercando stavotlastavolta di tenere d'occhio i diritti umani, così che una volta che il materiale militare era consegnato, esso sarebbe stato soggetto a controllo e se necessario, a restituzione se non fosse stato usato solo per compiti anti-narcos (non facile da attuare, visto che la guerriglia si è identificata sempre di più anche con il commercio di droga).
 
Così, in base alla sezione 564 del Foreign Operations Appropriations Act (Public Law 106-113)
Quanto agli elicotteri armati, il comando che li controlla è il COMANDO Aéreo de Apoyo Tactico, su due basi. Una è la Caat-1 (Base Aérea Luis F.Pinto di Melgar) con il Grupo 51 (addestramento, trasporto, attacco anche notturno), che ha vari elicotteri. L'addestramento si svolgeva con 75-80 ore o a Melgar o a Vesquez con i 12 piccoli Enstrom F.28F (comprati nel 1994 per rimpiazzare gli OH-13 e gli Hughes 269C). Poi c'erano gli UH-1H o i Bell 205, dell'Esc Elicotteri medi, oppure gli H-369 leggeri dell'Esc. 514.
 
I piloti validi passavano poi all'Escuadrilla Artillados 515 a Melgar, che avevano i Bell 212 e gli UH-1H, 24 disponibili e superstiti di quelli consegnati nel 1969, come successori dei 9 UH-1B già radiati. In tutto ne dovrebbero essere giunti ben 44 inclusi i tipi civili Bell 205A1 (di cui 6 ancora in servizio) e 13 Bell 212 (forse non rientranti nel totale di 44). UH-1 e Hughes 369 (Model 500)erano predisposti per i sistemi di visione notturna (NVG). I piccoli Hughes erano nelenelle versioni corrispondenti ai Model 500 e 530, ovvero i 369D/M, tanto che potevano portare in alcuni casi anche missili TOW. In tutto c'erano state consegne per 25, già dal 1969, più altri 4 del tipo 530F arrivati nel 1989. Al 1997 ne sopravvivevano 13 più i 4 più recenti.
 
Il '''Caat-2''' era invece a Medellin, sull'aeroposto internazionale José Maria Cordova. La sua base è la B.A. Rio Negro, la parte militare dell'infrastruttura, inaugurata nel dicembre 1990. Essa aveva il Grupo 61 con l'Esc 611 (con 9 dei 10 UH-60A arrivati nel 1988 -l'altro andò distrutto per incidente- e 4 UH-60L del 1995). Prima questo Grupo era a Palanquero, poi a Melgar e infine a Medellin. Questi velivoli erano usati intensamente e sparsi un po' ovunque sulle basi della FAC. Ma l'Esercito aveva chiesto a sua volta 12 UH-60, negati dal Senato USA. Quindi ha optato per vari Mi-17.
*equipaggio: 92
*Armamento: cannone da 76, impianto binato da 40 mm; missili, 8 MM 40 Exocet e lanciamissili Simbad (binati) per i missili Mistral; 6 tls da 324 mm per siluri leggeri; un elicottero BO-105 per servizi generali
*Sensori: un Thomson-CSF Sea Tiger, un radar Castor IIB per il tiro, un sonar Atlas ASO-4-2, un sistema lancio falsi bersalgibersagli CSEE Dagaie
 
 
6 953

contributi