Differenze tra le versioni di "Giapponese/Aggettivo"

nessun oggetto della modifica
|高くなかった (''takakunakatta'', ''che non era alto'')
|}
 
ヒロは高い (''Hiro wa takai (desu)'', ''Hiro è alto'')
ヒロは高くない (''Hiro wa takakunai (desu)'', ''Hiro non è alto'')
ヒロは高かった (''Hiro wa takakatta (desu)'', ''Hiro era alto'')
ヒロは高くなかった (''Hiro wa takakunakatta (desu)'', ''Hiro non era alto'')
 
IMPORTANTE: Quando un vero aggettivo ha funzione di parte nominale non devono essere inseriti nè il "da dichiarativo" nè le altre forme di stato d'essere, perchè già la coniugazione dell'aggettivo esprime il tempo in cui hanno valore. L'unica eccezione, come si vede sopra, è l'aggiunta di "desu" (che però non va coniugato) per specificare il tono cortese.
 
== Gli pseudoaggettivi ==
Gli pseudoaggettivi, come già detto prima, sono invariabili e si legano con il -''na'' alla persona o alla cosa di cui rappresentano la proprietà:
 
静かな部屋 (''Shizuka na heya'', ''Una stanza silenziosa'')
 
Quando però sono utilizzati come parti nominali il -''na'' che li accompagna cade:
 
部屋は静か (''Heya wa shizuka'', ''La stanza è silenziosa'')
 
Con gli pseudoaggettivi possono essere utilizzate tutte le forme di stato d'essere, incluso il "da dichiarativo".
 
== La coniugazione di いい ==
Il vero aggettivo いい (''ii'',''buono'') presenta una coniugazione irregolare derivata dalla sua antica forma よい (''yoi''):
 
{| {{prettytable}}
!
!Presente
!Passato
|-
!Positivo
|いい (''ii'', ''buono'')
|よかった (''yokatta'', ''che era buono'')
|-
!Negativo
|よくない (''yokunai'', ''non buono'')
|よくなかった (''yokunakatta'', ''che non era buono'')
|}
 
林檎はいい (''Ringo wa ii'', ''La mela è buona'')
林檎はよかった (''Ringo wa yokatta'', ''La mela era buona'')
林檎はよくない (''Ringo wa yokunai'', ''La mela non è buona'')
林檎はよくなかった (''Ringo wa yokunakatta'', ''La mela non era buona'')
 
== Frasi con funzione di aggettivo ==
In giapponese anche il concetto di aggettivo è generico: esso viene considerato come qualsiasi cosa modifichi il significato di un termine, dunque anche delle frasi intere sono trattate come aggettivi.
In italiano, usare una frase come aggettivo viene tradotto con una proposizione relativa.
Facciamo un esempio:
 
友達ではなかったボブは、今日友達だ。 (''Tomodachi dewanai Bobu wa, kyo tomodachi da'', ''Bob, che non era un amico, oggi lo è (è amico)'')
 
ATTENZIONE: E' possibile utilizzare un qualsiasi verbo all'interno di una frase usata come aggettivo, tranne il ''da dichiarativo''. Per questo esiste una particolare posposizione che vedremo più avanti.
Utente anonimo