Storia delle Forze armate tedesche dal 1945/Al culmine della Guerra fredda: differenze tra le versioni

m
Bot: errori di battitura
m (Bot: errori di battitura)
In termini di equipaggiamenti, giova ricordare che la maggior parte della forza dell'esercito tedesco era data da una spinta meccanizzazione, per valorizzare al massimo e al meglio le capacità operative delle singole unità. Questo suona in netto contrasto con quanto accadde all'esordio dei mezzi corazzati, quando le forze armate del Kaiser, anche se ben provviste di artiglierie pesanti, rimasero per quasi tutta la Grande guerra prive di mezzi corazzati, i quali arrivarono in piccole quantità prevalentemente nella forma degli A7V.
 
Nel periodo interguerra i tedeschi appresero bene la lezione della Prima guerra mondiale e gli insegnamenti teorici di Fuller e Liddel Hart. Cooperando con i sovietici a Kazan ottennero nuove idee e tecnologie per i loro carri armati, i successori della cavalleria pesante medioevale e futuri dominatori di ogni scontro in movimento. Nonostante i divieti alleati, i tedeschi si equipaggiarono di carri armati come i Panzer 1 e 2, ma questi erano solo marginalmente utili per compiti di combattimento. Nonostante ciò, essi costituirono per i primi 2 anni il nucleo della forza corazzata della Bundeswher, e nonostante fossero considerati dagli stessi tedeschi macchine d'addestramento e preparazione, essi ottennero strepitosi successi nel 1939-40, grazie alla concezione moderna del loro impiego a massa, sfondando le linee nemiche e lasciando all'aviazione e all'artiglieria l'attacco contro i carri armati nemici, spesso (esempi pratici erano i SUMUA S.35, Char B1 e Matilda) letteralmente invulnerabili ai Panzer. L'uso accorto di piccole quantità dei nuovi Panzer III e IV, e dei carri cecoslovacchi Pz.35 e LT-38 consentì di ottenere talvolta anche la sconfitta di potenti forze corazzate nemiche. Dopo qualche anno, la necessità di riequipaggiare le forze armate tedesche. I nuovi Panzer III e IV si dimostrarono inferiori ai T-34 sovietici, e venne accelleratoaccelerato lo sviluppo del Tiger, oltre che iniziato quello del Panther (originariamente addirittura si pensò di clonare direttamente il T-34, ma il suo motore leggero, di derivazione aeronautica richiedeva prezioso alluminio, destinato all'aviazione primariamente). Nel frattempo si diedero cannoni più potenti ai Panzer III e IV, si costruirono cacciacarri e cannoni d'assalto e si usò in maniera spregiudicata i cannoni da 50, 75 e 88 mm in azioni controcarro, spesso con eccellenti esiti. Il Pak 40 da 75mm, con 154 mm perforabili a 500 m era un cannone eccezionale, pesante appena 1500 kg e capace di essere movimentato rapidamente, come anche di trovare spazio sul modesto scafo del Panzer II che diventà il Marder.
 
Tutti i tentativi tedeschi di vincere la guerra si infransero tuttavia a Stalingrado, El-Alamein, e sopratutto a [[w:Kursk|Kursk]]. Alla fine la Germania era un paese distrutto, ma la sua tecnologia e i suoi progettisti rimasero. Nel dopoguerra la Germania sfruttò le competenze rimaste per realizzare quello che venne definito la famiglia dei 'felini', dei quali il più famoso e prodotto è il Leopard, definito come il miglior carro dell'epoca, per l'equilibrio in mobilità, potenza di fuoco, protezione. Quest'ultima era sacrificata alla mobilità, nell'assunzione che i nuovi missili controcarro erano troppo difficili da contrastare data la loro penetrazione, e così era meglio muoversi rapidamente e esporsi per tempi minimi al fuoco. La competizione tra AMX-30 e Leopard ebbe luogo con la supervisione dell'Esercito italiano, anch'esso operatore dei carri Patton e interessato alla loro sostituzione. La vittoria non fu univoca, e i francesi adottarono il loro carro, mentre i tedeschi si ritennero soddisfatti del Leopard e ordinarono 1500 cannoni L7 in Gran Bretagna. Era questo il cannone NATO più promettente, e venne adottato da tutti i progetti dell'epoca eccetto l'[[w:AMX-30|AMX-30]]. Negli USA sostituì il pezzo da 90 mm della genealogia Patton e venne prodotto come M68. Il Leopard doveva molto alla progettazione dei carri tedeschi del periodo bellico come concezione generale, mentre tecnologicamente era simile all'M47-M48, specie in merito all'impostazione del sistema di tiro.
3 150

contributi