Differenze tra le versioni di "Caccia tattici in azione/Anni '30"

nessun oggetto della modifica
Difficile stabilire quale fosse la differenza fondamentale tra He 51 e C.R.32. Esteticamente il secondo semprava più 'asciutto' rispetto al rotondeggiante Heinkel. Quest'ultimo aveva un muso 'basso', perché l'albero dell'elica era sotto il radiatore, esattamente al contrario del CR. Aereo senz'altro facile da pilotare e privo di vizi particolari, l'Heinkel era dotato di un motore BMW molto potente, un V17.3 V-12, che permetteva 750 hp, ovvero diverse decine in più dei primi Bf-109. La sua ampia superficie alare distribuiva il peso in maniera efficiente; il peso era di circa 100 kg superiore a vuoto (rispetto al CR.32bis), ovvero 1.473 kg vs 1.380, ma a pieno carico entrambi arrivavano a circa 1.900 (il CR forse contando anche le bombe, fino a 100 kg di carico).
 
Con questi parametri si vede che l'He 51 era dotato di un miglior rapporto potenza-peso, sia a vuoto che a pieno carico: 1,964-2,54 kg/hp e 2,54, quando il Fiat aveva 2,3 e -3,16 kg/hp. In termini di carico alare, l'He 51 era avvantaggiato da una superficie di 27,2 m2 anziché 22,1, quindi il carico risultava a vuoto/p.c. di 54,1 e 69,8 kg/m2. Il CR aveva i valori di 64,4 e 86,2. Tutto questo sembrava dimostrare la superiorità dell'Heinkel, ma di fatto non era così. La velocità slm era di 330 kmh, notevole ma stranamente, inferiore alle alte quote. La salita a 2 km era fatta in 3,1 minuti mentre il CR.32 poteva arrivare a 3 km in circa 5 minuti. La massima tangenza era di 7.700 m quando il CR arrivava a 7.850 m, quindi nemmeno qui v'era un vantaggio. L'Heinkel era simile in velocità massima al Ro.41, che aveva appena 450 hp di potenza con un motore radiale, ma che era più agile e veloce in salita. L'armamento era limitato a due MG 17 da 7,92 mm. L'autonomia era di 700 km ma solo nel tipo B-1, per via del consumo elevato del motore.
 
Nell'insieme l'He 51 risultò alquanto deludente, pur essendo potenzialmente superiore al CR, anche per via di un motore più potente del 25%. Contro il Polikarpov I-15 (76 kg/m2 e 2,39 kg/hp) era nettamente inferiore. Probabilmente la causa di tale inferiorità va ricercata altrove, forse nella scarsa validità dei comandi di volo (malgrado una coda con un grande timone) e nelle dimensioni eccessive, al contrario dei caccia russi e italiani: l'He 51 vs il C.R.32 misurava 8,4 (7,45) x 11 (8,5) x 3,2 (2,72) m, 27,2 m2 (22,1) di superficie. Quanto all'I-15, esso era lungo appena 6,75 m, apertura di 9,75 m, altezza di 2,93 e superficie di 21,9 m2. Rosatelli in effetti tentò -con successo- di mantenere sempre piccoli i suoi caccia, per ottimizzarne le prestazioni rispetto alla potenza, tanto che il CR.32 era probabilmente il più piccolo biplano da caccia disponibile (anche se lo SPAD era tutto sommato persino più piccolo), grazie anche alla sezione di fusoliera molto stretta; la maggiore differenza tra CR.30 e 32 era per l'appunto nelle minori dimensioni di quest'ultimo, mentre il primo era più simile concettualmente all'He 51. Probabilmente furono le dimensioni eccessive a pregiudicare la resa prestazionale dell'Heinkel, nonostante il suo carico alare eccezionalmente basso, forse i comandi di volo erano inerti, e il motore -che stranamente garantiva la massima velocità a quota zero, come i caccia della I GM- perdeva rapidamente potenza durante la salita, cosa che spiegherebbe anche la tangenza pratica alquanto ridotta. Peraltro il CR aveva un peso notevole, sopratutto rispetto alle sue dimensioni, per cui teoricamente l'Heinkel aveva un notevole vantaggio in accelerazione e manovra, almeno alle velocità e quote più basse.
 
La ragione dello scarso rendimento non si trova apertamente nelle sue caratteristiche tecniche, e sarebbe interessante se qualche documento e testimonianza venisse fuori. Purtroppo per gli appassionati d'aviazione storica, per ora non si sono visti lavori che spieghino nel dettaglio la ragione dell'inferiorità dell'Heinkel rispetto ai suoi coetanei, cosa che mise per qualche tempo in grave affanno la Luftwaffe.
 
==Caccia a confronto<ref>dati da Armi da guerra 42</ref>==
6 953

contributi