Differenze tra le versioni di "Esperanto/Coniugazione verbale semplice"

esperanto= corsivo, italiano = normale
(esperanto= corsivo, italiano = normale)
{{esperanto}}
 
Ecco presentati i verbi semplici, i più importanti, che ti permetteranno di formulare finalmente le tue frasi.
 
==L'obbligo del soggetto==
I verbi in esperanto sono (ovviamente) tutti regolari, per ogni tempo. Il tempo ed il modo si riconoscono dalla desinenza che viene messa dopo la radice, identica per tutte le persone singolari e plurali, mentre per negare basta aggiungere ''ne'' (non) davanti al verbo. Questo implica quindi che, come ad esempio in inglese, francese e tedesco, l'indicazione del soggetto è sempre obbligatoria, a meno che il verbo sia impersonale (nevicare = ''neĝi''; nevica = ''neĝas'').<br>Se il nome della persona o cosa vuole essere evitato, si può far ovviamente uso dei pronomi personali soggetto. L'unico caso in cui il soggetto si può omettere nei verbi personali, è la seconda persona dell'imperativo (''manĝu!'' - mangia/mangiate!).<br>
Nota che iI pronomi personali saranno discussi più in dettaglio nel [[Esperanto/Pronomi personali ed aggettivi possessivi|capitolo ad essi dedicato]], ecco una breve presentazione:
Questo implica quindi che, come ad esempio in inglese, francese e tedesco, l'indicazione del soggetto è sempre obbligatoria, a meno che il verbo sia impersonale (nevicare = ''neĝi''; nevica = ''neĝas''). Se il nome della persona o cosa vuole essere evitato, si può far ovviamente uso dei pronomi personali soggetto. L'unico caso in cui il soggetto si può omettere nei verbi personali, è la seconda persona dell'imperativo ('''manĝu!''' - mangia/mangiate!).<br>
Nota che i pronomi personali saranno discussi più in dettaglio nel [[Esperanto/Pronomi personali ed aggettivi possessivi|capitolo ad essi dedicato]], ecco una breve presentazione:
 
*''mi'' = io
==L'infinito==
I verbi all'infinito terminano con la desinenza '''-i''', che quindi è quella che distingue i verbi dalle altre parti del discorso in un dizionario. Vediamo alcuni esempi di verbi frequenti:
* ''est'''i''''' = essere
* ''far'''i''''' = fare
* ''don'''i''''' = dare
* ''manĝ'''i''''' = mangiare
 
'''Nota:''' le preposizioni non sono state presentate, comunque anticipiamo cheitaliane "di" ed "a" se '''sono davanti ad un verbo all'infinito''' sono omesse in esperanto, e si capiscono dal contesto. Quindi i precedenti verbi all'infinito traducono anche le espressioni italiane:
 
* ''est'''i''''' = di essere/ad essere
* ''far'''i''''' = di fare/a fare
* ''don'''i''''' = di dare/a dare
* ''manĝ'''i''''' = di mangiare/a mangiare
 
Esempi
{|class="wikitable"
|-
| ''mi manĝ'''as''''' || ''io mangio''
|-
| ''vi (ci) manĝ'''as''''' || ''tu mangi''
|-
| ''li/ŝi/ĝi manĝ'''as''''' || ''lui/lei/esso mangia''
|-
| ''ni manĝ'''as''''' || ''noi mangiamo''
|-
| ''vi manĝ'''as''''' || ''voi mangiate''
|-
| ''ili manĝ'''as''''' || ''loro mangiano''
|}
*''Hodiaŭ li est'''as''' en Romo.'' = Oggi egli '''è''' a Roma.
 
===Passato===
Il tempo passato in esperanto riunisce l'imperfetto, il passato prossimo ed il passato remoto della lingua italiana.
Anche in questo caso esiste una sola desinenza, '''-is''':
 
 
{| class="wikitable"
|-
| ''mi manĝ'''is''''' || ''io mangiavo, ho mangiato, mangiai''
|-
| ''vi (ci) manĝ'''is''''' || ''tu mangavi, hai mangiato, mangiasti''
|-
| ''li/ŝi/ĝi manĝ'''is''''' || ''lui/lei/esso mangiava, ha mangiato, mangiò''
|-
| ''ni manĝ'''is''''' || ''noi mangiavamo, abbiamo mangiato, mangiammo''
|-
| ''vi manĝ'''is''''' || ''voi mangiavate, avete mangiato, mangiaste''
|-
| ''ili manĝ'''is''''' || ''loro mangiavano, hanno mangiato, mangiarono''
|}
*''Hieraŭ li est'''is''' en Napolo.'' = Ieri egli '''era''' a Napoli.
 
===Futuro===
Il tempo futuro in esperanto prevede la desinenza '''-os''':
 
 
{| class="wikitable"
|-
| ''mi manĝ'''os''''' || ''io mangerò''
|-
| ''vi (ci) manĝ'''os''''' || ''tu mangerai''
|-
| ''li/ŝi/ĝi manĝ'''os''''' || ''lui/lei/esso mangerà''
|-
| ''ni manĝ'''os''''' || ''noi mangeremo''
|-
| ''vi manĝ'''os''''' || ''voi mangerete''
|-
| ''ili manĝ'''os''''' || ''loro mangeranno''
|}
*''Morgaŭ li est'''os''' en Milano.'' = Domani egli '''sarà''' a Milano.
 
 
Il modo indicativo esprime azioni certe, o presentate come tali (mangiavo, mangerò, mangio). Per le azioni non certe, sono usati altri due tempi, '''volitivo e condizionale''', che traducono vari tempi italiani (imperativo, condizionale, congiuntivo) a seconda che sia manifestata o no la volontà di chi parla. I tempi italiani condizionale e congiuntivo possono essere resi, a seconda del contesto, con uno o l’altro di questi due tempi, come spiegato di seguito.
{| class="wikitable"
|-
| ''mi manĝ'''us''''' || ''io mangerei''
|-
| ''vi (ci) manĝ'''us''''' || ''tu mangeresti''
|-
| ''li/ŝi/ĝi manĝ'''us''''' || ''lui/lei/esso mangerebbe''
|-
| ''ni manĝ'''us''''' || ''noi mangeremmo''
|-
| ''vi manĝ'''us''''' || ''voi mangereste''
|-
| ''ili manĝ'''us''''' || ''loro mangerebbero''
|}
 
{| class="wikitable"
|-
| ''(vi - ci) manĝ'''u'''!'' || ''mangia!''
|-
| ''ni manĝ'''u'''!'' || ''mangiamo!''
|-
| ''(vi) manĝ'''u'''!'' || ''mangiate!''
|}
 
{| class="wikitable"
|-
| ''(vi - ci) ne manĝ'''u'''!'' || non ''mangiare!''
|-
| ''ni ne manĝ'''u'''!'' || non ''mangiamo!''
|-
| ''(vi) ne manĝ'''u'''!'' || non ''mangiate!''
|}
 
1 586

contributi