Bivona/Il Ducato: differenze tra le versioni

Nessun oggetto della modifica
 
==Duchi della dinastia dei “de Luna” (1554-1620)==
1. Il titolo di “Duca di Bivona” è stato conferito con privilegio del [[22 maggio]] [[1554]], esecutoriato a [[Palermo]] il [[16 giugno]] di quello stesso anno, da Carlo V a '''Pietro de Luna''' (o Pietro de Luna-Peralta e Medici-Salviati, >[[1520]]-[[1575]]), 10 [[Conte di Caltabellotta]]. Da non confondere con qualcuno dei suo avi ancor oggi conosciuti come “Pietro de Luna”. Tra i suoi titoli nobiliari contava anche quello di Conte di Calatafimi e Sclafani e Barone di Caltavuturo. Nel settembre [[1552]], a [[Messina]], sposò in prime nozze[[Immagine: Stemma de Luna d'Aragona.jpg|thumb|150px|right|<center> Arme antico della famiglia de Luna d'Aragona completo di tutti i fregi</center>]] Isabella de Vega (e Osorio), figlia dell’Ambasciatore di Spagna presso il Papa a [[Roma]] di Re Carlo V, Giovanni de Vega (e Enríquez, 6 Signore del Grajal, Viceré di Navarra nel [[1542]], Viceré e Capitano Generale di Sicilia dal [[1547]] al [[1557]], presidente del Consiglio di Castiglia) e di Eleonora Perez-Osorio (e Sarmiento, morta a Palermo il [[30 marzo]] [[1550]]); da questo matrimonio ebbe quattro figli; nel [[1563]] sposò in seconde nozze Angela De la Cerda, figlia del Duca di Medinaceli, nuovo Viceré di Sicilia, da cui ebbe un solo figlio, Giovanni.
 
2. Morto Pietro de Luna, il [[26 settembre]] [[1576]] assunse l’investitura dei beni feudali paterni '''Giovanni de Luna''' (e De la Cerda), che, non essendo ancora maggiorenne, rimase per alcuni anni sotto la tutela materna. Fu 2 Duca di Bivona e 11 Conte di Caltabellotta dal [[1575]] al [[1592]] (il [[13 novembre]] [[1584]] cedette tutte le sue proprietà alla sorellastra Aloisia e si riservò l’usufrutto). Sposò Belladama Settimo (e Valguarnera), ma non ebbe alcun figlio.
3. Morto Giovanni nell’agosto [[1592]], il [[30 settembre]] ricevette l’investitura '''Aloisia de Luna''' (e de Vega), primogenita di Pietro de Luna (figlia avuta dal primo matrimonio, con Isabella de Vega). Fu 3 Duchessa di Bivona e 12 Contessa di Caltabellotta, Baronessa di Caltavuturo e di Castellammare del Golfo. Aloisia prese il nome di sua nonna, Aloisia Medici-Salviati, sorella di [[Papa Leone X]] “Medici” ([[11 dicembre]] [[1475]][[1 dicembre]] [[1521]]). Entrambi, la nonna Aloisia e lo zio Leone X, sono i figli che l’illustre [[Lorenzo de Medici]] detto “il Magnifico” ebbe dal suo matrimonio con Alfonsina Orsini, discendente dei Conti di Tagliacozzo e Piacentro. Nel [[1567]] Aloisia de Luna sposò Cesare Moncada-Aragona (e Pignatelli), 2 Principe di Paternò, Conte di Adernò, conte di Sclafani, Conte di Caltabellotta, Vicario Generale e Capitano d’Arme nelle città di Siracusa e Catania.<br>
Cesare Moncada, Duca consorte, era figlio di don Francesco Moncada (Conte di Adernò, Conte di Sclafani, Conte di Caltanissetta, 1 Principe di Paternò, morto il [[23 febbraio]] [[1568]]) e di Caterina Pignatelli, figlia di Camillo Pignatelli (Conte di Borello, 3 Duca di Monteleone) e di donna Girolama Colonna (figlia del 2 Duca di Paliano). Cesare [[Moncada]] morì nel [[1571]].<br>
Nel [[1577]] Aloisia de Luna, vedova, sposò in seconde nozze Antonio d’Aragona (e Folch de Cardona), anch’esso vedovo. Egli fu 4 Duca di Montalto, Conte di Collesano o Golisano.
 
==Duchi della dinastia dei “Moncada” (1621-1728)==
156

contributi