Differenze tra le versioni di "Impresa sociale di comunità/Rapporto pubblico-privato"

<li>Nella scelta delle organizzazioni di volontariato con cui stipulare convenzioni, la Regione, gli Enti locali e gli altri Enti pubblici non compresi nell'articolo 117, comma 2, lettera g) della Costituzione, si attengono a criteri di priorità comprovanti l'attitudine e la capacità operativa delle organizzazioni, considerando nel loro complesso:</li>
<ol type="a">
<li>l''''esperienza''' maturata nell'attività oggetto di convenzione;
<li>il '''livello qualitativo''' in ordine agli aspetti strutturali, organizzativi ed al personale volontario, anche con riferimento a requisiti previsti dalle vigenti disposizioni;
<li>l''''offerta di modalità a carattere innovativo o sperimentale''' per lo svolgimento delle attività di pubblico interesse;
<li>la '''sede dell'organizzazione''' e la presenza operativa nel territorio in cui deve essere svolta l'attività;
<li>la definizione di '''piani formativi''' per i volontari aderenti alle organizzazioni, in coerenza con le attività oggetto della convenzione;
<li>le '''attività innovative''' per la soluzione di problematiche connesse ad emergenze sociali o sanitarie od ambientali.
</ol>
<li>Qualora le attività da gestire in convenzione siano proposte direttamente dalle organizzazioni di volontariato per ragioni di utilità pubblica o richiedano una capacità operativa particolare, adeguata alle esigenze di pubblico interesse, gli Enti di cui all'articolo 13, co. 1, possono stipulare convenzioni dirette con le organizzazioni iscritte che dimostrino un adeguato grado di capacità ad assolvere gli impegni derivanti dalle convenzioni stesse."</li>
259

contributi