Differenze tra le versioni di "Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Congo"

nessun oggetto della modifica
Come si è detto, però, la parte orientale della nazione non è sicura a tutt'oggi, con dei conflitti ancora aperti come quello Ituri e le battaglie vicino al lago Kivu tra governativi e la guerriglia di Laurent Nkunda. Non c'é nessun risparmio delle sofferenze per la popolazione civile, ancora profuga nella zona, e che ha problemi di rifornimento di cibo ed efficienza delle poche infrastrutture.
 
Attualmente le F.A. sono comandate da Joseph Kabila come comandante in Capo e Chikez Diemu, Ministro della Difesa, Disarmo e Veterani. L'efficienza delle forze locali non è aiutata dall'assenza di una forzaun'industria locale militare. Il CSM è al campo Colonel Tshatshi.
 
Non è chiaro cosa vi sia sotto il CSM, ma dovrebbe esservi tra l'altro una sezione di intelligence militare, forze terrestri, navali e aeree, in dieci regioni militari e una base centrale logistica.
 
Capi noti del Comando militare:
*1960: Mag Gen Victor Lundula
*1964–1965: Joseph-Desire Mobutu
*Fino al 1972:General Louis Bobozo
*1970s – circa 1990: ?
*1991–1993 : General Mahele Lioko Bokoungo
*1993–1996 : General Eluki Monga Aundu
*1996–1997 : General Marc Mahélé Lièko Bokungu
*1997–1998 : James Kabarebe
*1998 – 2001: Joseph Kabila
*2001–2004 : Admiral Baudouin Liwanga Mata Nyamuniobo
*2004–2007 : Général de division Kisempia Sungilanga Lombe, Chef d’état-major des forces armées
*Dal 2007 : Lieutenant General Dieudonné Kayembe Mbandakulu
*Novembre 2008: General Didier Etumba
 
Situazione al gennaio 2005:
*FARDC chief of staff: Major General Sungilanga Kisempia (PPRD)
*FARDC land forces chief of staff: General Sylvain Buki (RCD-G)[32]
*FARDC navy chief of staff: General Major Amuli Bahigwa (MLC)
*FARDC air force chief of staff: Brigadier General Bitanihirwa Kamara (MLC)
*1st Military Region/Bandundu: Brigadier General Moustapha Mukiza (MLC)
*2nd Military Region/Bas-Congo: non noto
*3rd Military Region/Equateur: Brigadier-General Mulubi Bin Muhemedi (PPRD)
*4th Military Region/Kasai-Occidental: Brigadier-General Sindani Kasereka (RCD-K/ML)
*5th Military Region/Kasai Oriental: General Rwabisira Obeid (RCD)
*6th Military Region/Katanga: Brigadier-General Nzambe Alengbia (MLC)
*7th Military Region/Maniema: Brigadier-General Widi Mbulu Divioka (RCD-N)
*8th Military Region/North Kivu: General Gabriel Amisi (RCD) - Brig. Gen. Vainqueur Mayala
*9th Military Region/Province Orientale: Major-General Bulenda Padiri (Mayi-Mayi)
*10th Military Region/South Kivu: Major Mbuja Mabe (PPRD)
 
Le Forze di terra sono nell'insieme 14 brigate reduci delle fazioni che si sono combattute più alcune brigate ancora sotto il controllo di singole fazioni tra cui movimenti come quello della liberazione del Congo, il conflitto di Ituri (MRC) e molti altri.
 
In tutto, nel 2005, venne deciso di adottare un piano per 18 brigate, da formare in molta parte con gli ex-ribelli disarmati e mandati ai centri di orientazione, dove sarebbero posti alla scelta di tornare alla vita civile o di ritornare in armi ma come soldati. Nel frattempo avrebbero avuto una somma di 110 dollari come paga iniziale, se si sarebbero demobilizzati; in caso contrario sarebbero stati mandati in uno dei 6 centri di integrazione, per corsi di 45 giorni sparsi nel Paese come quelli di Kitona, Kamina, Rugambo e Kyaleke, che tra l'altro, è vicino al parco nazionale del Viruga. Vi è anche Luberizi, con il confine col Burundi, nel Sud Kivu. Tutto questo ha avuto problemi di realizzazione per organizzazione, ritardi, lunghezza dei viaggi. In tutto serviva poi un percorso a 3 stadi, non facile da percorrere per chi cerca il reinserimento. In seguito si parla di costituire una forza di Reazione rapida con 2 o 3 brigate (12 battaglioni); dal 2010, quando si suppone che il MONUC sarà ritirato, una forza di difesa principale su tre divisioni. Il tuto sarà implementato fino attorno al 2020. Tutto questo è stato anche reso più difficile dal tentativo di riunificare le forze della guerriglia, omettendo per le forze di Nkunda il periodo di 45 giorni di riaddestramento. Le brigate miste formate però sono state abbandonate dai guerriglieri di Nkunda nel 2007 e hanno ripreso il controllo dei territorio di Masisi e Rutshuru, ovvero il Nord Kivu.
 
In più vi sono problemi di ordine e di abusi, anche commessi da parte delle brigate regolari, e spesso vi sono traffici comuni tra guerriglieri e soldati regolari, con il forte interesse per le risorse naturali locali. Ogni brigata è di circa 3-5.000 soldati e la forza delle truppe di terra totali ha una forza di 100.000 persone.
 
Attualmente le F.A. sono comandate da Joseph Kabila come comandante in Capo e Chikez Diemu, Ministro della Difesa, Disarmo e Veterani. L'efficienza delle forze locali non è aiutata dall'assenza di una forza locale
 
 
6 953

contributi