Differenze tra le versioni di "Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Messico"

Quanto ai radar, essi sono stati ammodernati, iniziano quest'anno con un lotto di MPQ-64 Sentinel, nella regione del Golfo del Messico. E' la componente sensoriale del circuito allestito nel 2007 e serve per sorvegliare una delle aree più trafficate (anche da utenti 'illeciti') del mondo. Vale la pena soffermarsi su questo nuovo apparato, che è un sistema 3D normalmente usato per allertare i sistemi di difesa antiaerea a corto raggio dell'USMC e US Army. Come molti tipi moderni, ha banda di lavoro X ed è un tipo Pulse-doppler. L'antenna a scansione elettronica ruota a 30 giri al minuto e raggiunge i 40 km di portata prtaica, mentre sono molto curate le capacità ECCM e la possibilità di individuare anche bersagli come UAV e missili 'cruise'. E' trasportato con un rimorchio ed è già stato sottoposto ad un primo aggiornamento, anch perché ci si attende che resti in servizio negli USA fino al 2030. La quota fino a cui può vedere è 4 km, come è naturale per un sistema concepito per le bassissime quote operative. Il generatore elettrico che lo attiva è trasportato su di un Hummer, con una corrente a 400 Hz.
 
Importante è anche la '''Fanteria di Marina''', 8.000 effettivi su di una forza di: una brigata parà (3 btg), un battaglione per la Guardia Presidenziale, 3 btg con QG a Città del Messico, Acapulco e Veracruz, e 35 cp e distaccamenti indipendenti. Infine vi sono 2 gruppi di SF. Tutto questo per proteggere i porti, la costa per una distanza di 10 km e pattugliare le maggiori vie d'acqua interne. Ma ultimamente parte della difesa costiera è stata ceduta all'Esercito, riducendo la forza dei 'Marines' che adesso sembrano più utili a bordo delle navi per lavorare nei team di intercettazione dei trafficanti di droga.
 
Importante è anche la Fanteria di Marina, 8.000 effettivi su di una forza di: una brigata parà (3 btg), un battaglione per la Guardia Presidenziale, 3 btg con QG a Città del Messico, Acapulco e Veracruz, e 35 cp e distaccamenti indipendenti. Infine vi sono 2 gruppi di SF. Tutto questo per proteggere i porti, la costa per una distanza di 10 km e pattugliare le maggiori vie d'acqua interne. Ma ultimamente parte della difesa costiera è stata ceduta all'Esercito, riducendo la forza dei 'Marines' che adesso sembrano più utili a bordo delle navi per lavorare nei team di intercettazione dei trafficanti di droga.
 
Quanto alle SF, queste sono presenti anche nella Marina propriamente detta, con le Fuerzas Especiales (FES) instituite ufficialmente nel 2001.
 
====Navi====
{{Cassetto
|colore=white
|titolo=<span style="color:white">Apri il cassetto per vedere il testo...</span>
|testo=
Cacciatorpediniere: '''Classe Quezalcoatl''' (Gearging FRAM II):
* D-102, ARM Netzahualcoyotl (dal 1982)
--ARM Vicario (PC 230) (1977)
--ARM Ortíz (PC 231) (1977)
}}
 
Infine sono presenti altre 60 navi più piccole da pattugliamento, e 32 navi ausiliarie. Tra le prime, le 40 CB 90 HMN svedesi, costruite tra il 1999 e il 2001 e con una licenza di produzione ottenuta nel 2002 per costruirne altre, segno che il tipo è stato considerato riuscito. Nell'anno fiscale del 2008 sono stati approvati solo 15 mln di dollari (provenienti dagli USA) per costruire 17 delle 60 nuove unità richieste, ma ovviamente sarà necessario assegnare altri fondi per costruire la flotta complessivamente ordinata. Sempre nel 2008 il Messico ha creato anche un sistema SAR vero e proprio che ha sede nei principali porti e che deve aiutare le navi in difficoltà, specie con la minaccia degli uragani. Per questo sono state ordinate anche 2 unità per la Guardia Costiera del tipo Defender e per ciascuna delle installazioni di soccorso.
6 953

contributi