Differenze tra le versioni di "Armi avanzate della Seconda Guerra Mondiale/USA-2"

m
Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo
m
m (Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo)
 
[[Immagine:Douglas A-20G Havoc.jpg|380px|right|thumb|L'A-20G]]
La Douglas aveva anche un' altro filone di aerei che, verso la fine della guerra, erano in una condizione molto florida: quello degli aerei d'attacco terrestri. La genia dei velivoli bimotori da bombardamento leggero iniziò con il Model 7B, ordinato con alcune modifiche dai Francesi nel 1939. Da lì iniziò la produzione di questo velivolo molto veloce, dalla fusoliera stretta per la massima aerodinamicità e un solo pilota, mentre molto grandi erano le superfici di coda e la cellula, per quanto snella frontalmente, aveva una notevole profondità. Inoltre c'era un parabrezza vetrato per il navigatore-bombardiere, e una coppia di armi difensive per il mitragliere, che aveva anche una piccola barra di comando per tenere l'aereo in caso d'emergenza. Ben presto l'A-20 Havoch (per l'USAAF) divenne un velivolo di grande successo, iniziando con la RAF che ne ordinò centinaia. In tutto vennero prodotti oltre 7.000 di questi aerei che dimostrarono un comportamento in volo migliore del simile Baltimore (derivato dal Maryland) della rivale Martin.
 
L''''A-20''', usato anche come caccia notturno ad interim, aveva nell'evoluta versione 'G' le seguenti caratteristiche:
3 150

contributi