Differenze tra le versioni di "Fondamenti di automatica/Sistemi lineari tempoinvarianti"

m
Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo
m (Bot: apostrofo dopo l'articolo indeterminativo)
quindi si divide per <math>s</math> più volte per portarle tutte a denominatore,
si raccoglie <math>1/s</math> e
si ottiene un 'equazione che rappresenta la struttura del circuito
 
 
3 150

contributi