William Shakespeare/Enrico VI, parte I: differenze tra le versioni

datazione
(cambio avanzamento a 25%)
(datazione)
{{William Shakespeare|sezione=2}}
== Datazione e stampa ==
Con '''Enrico VI, parte prima''' (''King Henry VI, Part I'') si apre, anche da un punto di vista semplicemente cronologico (la sua stesura è fatta risalire dagli studiosi agli anni 1588-1592), la lunga e complessa produzione shakespeariana.
''The first part of Henry the sixt'' apre la prima serie di drammi storici scespiriani. Un testo intitolato "harey the vj" fu rappresentato il 3 marzo 1592 al The Rose dai Lord Strange's Men, e generalmente si presume che si trattasse di quest'opera<ref name= Arden >Richard Proudfoot, Ann Thompson, David Scott Kastan - ''The Arden Shakespeare Complete Works Paperback Edition'' - p.463 - Thomson Learning, 2001.</ref>.
Una allusione al dramma è contenuta in un libro di Thomas Nashe del 1592<ref name= Melchiori>Giorgio Melchiori, ''Shakespeare. Genesi e struttura delle opere''. Laterza, 1994</ref><ref name= Arden />. Sebbene sia accertato che Shakespeare scrisse - se non del tutto, almeno in parte - l'opera, una ipotesi è che il dramma sia stato in realtà composto (o riscritto) ''dopo'' le parti seconda e terza, come una sorta di 'prequel' ante-litteram<ref name=Melchiori5166>Melchiori, pp 51-66</ref>. A differenza delle parti seconda e terza, una stampa fu eseguita solo nel 1623, nel first folio.
 
== Analisi dell'opera ==
Dramma del potere <ref>Il duca di Alençon dirà: «l’essenza dell’autorità» (Atto V, scena 4)</ref>, indagato nei suoi aspetti più torbidi e oscuri, vissuto come fatalità e maledizione - come testimonia la maledizione contro gli inglesi di Giovanna d'Arco sul rogo, nella quarta scena del V atto - che incombe come una cappa asfissiante non solo su chi se lo ritrova a gestire senza averlo cercato (come appunto Enrico VI) ma anche su coloro la cui vita è presentata invece come un’interminabile sforzo per raggiungerlo, agguantarlo e mantenerlo. Il tema del peso del potere è un elemento centrale, che continua a svilupparsi nelle successive parti dell'opera.
 
362

contributi