Osservare il cielo/Il transito dei pianeti: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Fra gli oggetti più brillanti che si osservano in un cielo stellato, oltre alle stelle più luminose, vi sono anche i corpi celesti interni al nostro sistema solare: i [[w:pianeta|pianeti]].
 
Un '''pianeta''' è un corpo celeste che orbita attorno a una stella, la cui massa è sufficientemente elevata da consentirgli di avere una forma sferoidale e la cui fascia orbitale è priva di altri corpi celesti dotati di massa confrontabile con esso o superiore. Un pianeta non è in grado di avviare al suo interno la '''fusione nucleare''', ossia non ha caratteristiche proprie di una stella, poiché la sua massa non è sufficientemente elevata da produrre nel suo nucleo le condizioni di pressione e temperatura elevatissima richieste per il processo di fusione. La composizione di un pianeta può variare considerevolmente: può essere costituito principalmente di minerali e rocce, e allora si parla di ''pianeta roccioso'' (o ''terrestre''), e può essere composto in prevalenza da gas come l'idrogeno e l'elio, e in questo caso si parla di ''pianeta gassoso'' (o ''gioviano''); in generale, i pianeti gassosi hanno un diametro e una massa molto superiore a quella dei pianeti di tipo roccioso. La Terra appartiene alla categoria dei pianeti rocciosi.
 
I pianeti del sistema solare, secondo le ultime definizioni fornite dall'[[w:Unione Astronomica Internazionale|Unione Astronomica Internazionale]], sono '''8''': '''Mercurio''', '''Venere''', '''Terra''', '''Marte''', '''Giove''', '''Saturno''', '''Urano''' e '''Nettuno'''. A questi corpi maggiori se ne aggiungono altri minori, posti soprattutto nella fascia al di là del pianeta Nettuno: questi oggetti, chiamati '''oggetti transnettuniani''', sono dei corpi il cui aspetto è simile a quello di un pianeta, ma la loro massa è molto ridotta; l'oggetto transnettuniano più grande conosciuto è '''Sedna''', mentre quello più interno, nonché il più noto, è '''Plutone''', una volta considerato il ''nono pianeta'' ed ora "declassato" al rango di ''pianeta nano''. Ad occhio nudo sono visibili da Terra soltanto Mercurio, Venere, Marte, Giove e Saturno, più Urano, sebbene sia al limite della visibilità.