Differenze tra le versioni di "Osservare il cielo/Percorso 2: Verso il centro della Via Lattea"

 
==6. La Nebulosa Aquila==
[[Immagine:nebaquilamap.png|300px|left|Carta della Nebulosa Aquila]]
[[Immagine:Nebulosa Aquila tel114.png|300px|right|La Nebulosa Aquila al telescopio 114mm]]
La '''Nebulosa Aquila''' (nota anche con la sigla '''M 16''') è un brillante ammasso aperto associato ad una regione H II; si individua sul bordo della scia luminosa della Via Lattea, al confine fra le costellazioni dello Scudo, del Sagittario e della Code del Serpente, alla quale appartiene. L'oggetto non può essere osservato ad occhio nudo, ma è alla portata di piccoli strumenti.
 
Un binocolo consente di rivelare solo l'ammasso aperto: è composto da alcune decine di stelle blu, evidentemente molto giovani; il centro è più concentrato e appare di aspetto indistinto. Non vi è traccia di nebulose associate. Un telescopio da 114mm rivela sia l'ammasso, che appare del tutto risolto, sia la nebulosa, visibile verso sudest e dall'aspetto un po' allungato.
 
Il nome proprio della nebulosa deriva dalla struttura oscura simile ad un becco d'aquila che attraversa la nebulosa da sudovest a nordest e che si evidenzia in un telescopio da 200mm di apertura; l'ammasso associato si è formato dai gas della nebulosa e la sua età è stata quantificata in soli 5 milioni di anni. In tutta l'area, distante circa 7000 anni luce, è attiva la formazione stellare.
<div style="clear:both"></div>
 
==7. La Nebulosa Omega==