Differenze tra le versioni di "Elettronica pratica/RAM e ROM"

** Lo scrivere in una memoria capacitiva vuol dire ricaricare quel condensatore o scaricarlo come venga richiesto. Viene detto che una memoria è "un zero" se la sua tensione è al disotto di un valore specificato, ed è "un uno" se è al disopra. Mettere un uno nella memoria significa caricare il condensatore, mentre mettere uno zero in memoria significa scaricare il condensatore.
** Leggere una memoria capacitiva equivale a mettere un voltmetro ai capi dei suoi terminali per vedere se la sua tensione si trova o non si trova al disopra di un dato minimo.
 
====Examples====
Reference 1: Programmer's Reference Guide for the Commodore 64 Personal Computer, published in 1988 by Commodore Business
 
Machines, Inc.
*part of the microprocessor 6510's characteristics:
*For a 0 the minimum is minus 0.3 Volt, and the maximum is plus 0.3 Volt.
*For a 1 the minimum is plus 2.0 Volt, and the maximum is 1 Volt above the supply voltage which usually is about 5 Volt, but whose absolute
 
maximum is 7.0 Volt. Note that static electricity (by friction on the carpet for example) can cause a lot of damage and must be guarded against.
 
Reference 2: The Semiconductor Memory Data Book for Design Engineers, published in 1975 by Texas Instruments Inc.
 
====Esempi====
Riferimento 1: Guida di riferimento del programmatore per il Computer 64 Commodore, edito nel 1988 dalla compagnia Commodore Business
 
Machines.
*fa parte delle caratteristiche del microprocessore 6510:
*Per lo zero il minimo è -0,3 V, ed il massimo è +0,3 V.
*Per l'1 il minimo è +2 V, ed il massimo è 1 V di sopra la tensione di alimentazione che normalmente è di 5 V, ma il cui valore assoluto massimo è di 7 V. Si noti che l'elettricità statica (conseguenza della frizione con un tappeto, per esempio) puo causare parecchio danno e ci si deve proteggere da essa.
 
Riferimento 2: Libro dei dati delle memorie a semiconduttore per ingegneri progettisti, pubblicato dalla compagnia Texas Intruments.
 
 
Nota: le memorie moderne ricorrono ai transistori, porte, diodi, ect.