Chimica organica/Principi di Cinetica Chimica: differenze tra le versioni

* Gli esponenti ''a'' e ''b'' sono detti '''ordini''' di reazione. La relazione tra v e la concentrazione di A si dice dunque '''di ordine a'''.
* L''''ordine complessivo''' della reazione è la somma degli ordini relativi ai vari reagenti.
* l'ordine di reazione di un dato componente è identico al suo coefficiente stechiometrico se e solo se la reazione avviente in un solo stadio elementare; altrimenti questi devono essere determinati sperimentalmente
* <u> Non esiste nessun nesso, se non puramente casuale, tra gli ordini della reazione e la sua stechiometria </u>
* Il coefficiente K (''costante di verlocità''), caratteristico della reazione in esame, prende il nome di '''costante cinetica''' e risulta indipendente dalla concentrazione di prodotti e reagenti, ma dipendente dalla temperatura alla quale avviene la reazione.
 
La variazione della costante di velocità è descritta dall'equazione di Arrhenius
Le legge cinetica di una reazione, essendo dovuta al meccanismo della reazione, da preziose informazioni su di esso. Ecco perchè grossi sforzi sono dedicati dai ricercatori alla determinazione sperimentale della costante cinetica e degli ordini di reazione relativi ai vari reagenti coinvolti.
 
<math>K = K_∞ \exp{ \frac {E_{att} }{RT} }</math>
 
ove E<sub>att</sub> è l'energia di attivazione, cioè l'energia minima di collisione tra le molecole affinché avvenga la reazione. il parametro K<sub>∞</sub> può essere interpretato come la velocità intrinseca della reazione a temperatura infinita.
 
Le legge cinetica di una reazione, essendo dovuta al meccanismo della reazione, da preziose informazioni su di esso. Ecco perchèperché grossi sforzi sono dedicati dai ricercatori alla determinazione sperimentale della costante cinetica e degli ordini di reazione relativi ai vari reagenti coinvolti.
 
=== La determinazione sperimentale degli ordini di reazione ===
Utente anonimo