Chimica organica/Principi di Cinetica Chimica: differenze tra le versioni

Molto spesso il meccanismo di una reazione fa sì che la sua velocità risulti essere proporzionale alla concentrazione dei reagenti, ciascuna elevata ad una potenza (spesso un numero intero positivo, ma può essere anche un numero negativo, nullo o frazionario). Questa osservazione, di tipo strettamente '''empirico''', è riassunta dalla '''legge cinetica''' della reazione, una equazione che, per l'esempio proposto sopra, ha la forma
<center><math> v = k [A]^a [B]^b \, </math></center>
Le caratteristiche minime che è indispensabile ricordare di questa equazione sono:
É importante notare che:
* Gli esponenti ''a'' e ''b'' sono detti '''ordini''' di reazione. La relazione tra v e la concentrazione di A si dice dunque '''di ordine a'''.
* L''''ordine complessivo''' della reazione è la somma degli ordini relativi ai vari reagenti.
1 932

contributi