Chimica organica/Principi di Termodinamica Chimica: differenze tra le versioni

nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
Nessun oggetto della modifica
{{Chimica organica}}
Fino al presente capitolo questo libro ha mostrato alcune classi di molecole organiche trascurando per semplicità la possibilità che esse possano '''reagire''', ovvero interconvertirsi le une nelle altre, in opportune condizioni sperimentali. La conversione delle molecole, i reagenti, in altre, i prodotti, avviene grazie al riarrangiamento, ovvero alla formazione e alla rottura, dei legami chimici tra gli atomi che le costituiscono.
Delle '''reazioni chimiche''' interessano prevalentemente tre aspetti: quale sia il '''rapporto tra la concentrazione dei prodotti e quella dei reagenti all'equilibrio''', quale sia la '''velocità della reazione''', e infine quale sia il '''meccanismo''' che porta da reagenti a prodotti.
Per poter affrontare il primo di questi tre aspetti è possibile partire dalla descrizione dell''''energia interna''' di un sistema. A talee descrizione i libri di Chimica Organica di base dedicano solitamente capitoli troppo striminziti per essere chiari. Consiglio perciò di leggere libri di Chimica Fisica allo scopo, in media decisamente più chiari, ad esempio "Elementi di Chimica Fisica" di Peter Atkins e Julio de Paula, edito da Zanichelli.
 
1 932

contributi