Latino/Seconda declinazione: differenze tra le versioni

m
nessun oggetto della modifica
(cambio avanzamento a 100%)
mNessun oggetto della modifica
|}
 
Un gruppo di sostantivi ''solo maschili'' ha il nom. sing. uscente in '''-er''': essi seguono la stessa flessione dei sostantivi in -us tranne che per il voc. sing., che in questo caso è uguale al nominativo. Una parte di questi sostantivi mantiene la '' e'' del nom. per tutta la declinazione (es.'' pu'''e'''r, pu'''e'''ri'' = ''fanciullo''); un'altra parte, invece, la perde, ed è il gruppo più numeroso ( es. ap'''e'''r, apri = ''cinghiale'').
 
</TD>
;Vocativo singolare: i nomi propri che al nom. sing. escono in -ius ed i sostantivi filius, genius, oltre all'aggettivo possessivo meus invece della regolare uscita in -e presentano una uscita in '''-i''' (tranne Darius che esce regolarmente in -e, Darie).
;Genitivo plurale: può essere in''' -um''', invece che in -orum, in vir ed i suoi composti, nei nomi di monete o misure, nei nomi di popolo, ed altri sostantivi:
*''vir, virum'' (o'' virorum'')
*''liberi, liberum'' (o liberorum)
*''deus, deum'' (o ''deorum'')
*''Danai, Danaum'' (o ''Danaorum'')
*''faber, fabrum'' (o ''fabrorum'').
 
===Particolarità del numero===
Vi sono singularia tantum come:
*'' aurum'', ''i'', (l'oro),
* ''argentum'', ''i'', (l'argento),
*''pontus'', ''i'', (il mare);
e pluralia tantum come :
*''Argi, -orum'' ( Argo),
*''Delphi, -orum'' (Delfi),
*''liberi, -orum'' (i figli),
*''spolia, -orum'' (il bottino/le spoglie),
*'' Superi, -orum'' (gli dèi Superni),
* ''Inferi, -orum'' (gli dèi Inferi).
 
==Origini==
140

contributi