Differenze tra le versioni di "Insubre/II coniugazione"

Nessun cambiamento nella dimensione ,  13 anni fa
m
Bot: Sostituzione automatica (-([^D])E'([^'.]) +\1È\2)
m (Bot: Aggiungo: "{{Avanzamento|100%}} ")
m (Bot: Sostituzione automatica (-([^D])E'([^'.]) +\1È\2))
 
*L'apofonia è in questo caso la trasformazione di ''oeu'' accentato (pron. /œ/) in ''o'' (pron. /u/) quando non l'accento si sposta altrove. Hanno lo stesso esito anche ''ò'' ed ''ó''.
*La radice ''voeur-'' nasce dal rotacismo (trasformazione in ''r'') del latino ''vol-'' di ''vŏlēre''. E'È normale in Insubre la mutazione della ''o'' breve latina in ''oeu'', corrispondente etimologicamente al gruppo italiano ''uo''. Talvolta viene mantenuta l'originaria ''l'' per preziosismo. Arcaico il participio ''vorsuu''.
*Il verbo ''podè'' (potere) presenta una forma alternativa per la 1 p.s. del presente indicativo (''mì pòss''), derivata direttamente dal latino (''possum''), a cui si affianca comunque la forma regolare (''pòdi'', rustico ''poeudi''), più utilizzata nel registro popolare. Da ''mì pòss'' può anche svilupparsi per analogia una arcaica coniugazione tutta basata sul tema ''poss-'', sino al participio ''possuu''.
*Il verbo ''vedè'' (vedere) presenta una forma alternativa per il participio (''vist''), derivata direttamente dal latino (''visus''), a cui si affianca comunque la forma regolare (''veduu''), più utilizzata nel registro popolare.
386

contributi