Forze armate mondiali dal secondo dopoguerra al XXI secolo/Spagna: differenze tra le versioni

 
Il Leopard 2E avrebbe avuto una similarità con lo Str 122 svedese più che con il modello A5 tedesco. Il primo lotto era per 219 carri e 16 ARV con una spesa di 224 miliardi di pesetas, da produrre dalla Santa Barbara Blindatos con Bazan per il motore, ENSB per la torretta, Plesencia per i cingoli, Amper per il sistema di tiro.
 
Per dare degno compare a tale bestione corazzato, è stato autorizzato nel 1997 il PIZARRO, un blindato realizzato con la collaborazione della Steyr austriaca, tanto che in effetti è un parente stretto dell'ASCOD. Per la prima volta un mezzo definibile come 'da combattimento per la fanteria cingolato' entrò in servizio con l'ET: prima vi erano i BMR ruotati o gli M113 cingolati, entrambi con i loro validi aspetti, ma per accompagnare sui campi di battaglia i carri erano necessari cingolati pesanti, come il PIZARRO, simile ad un piccolo carro con torretta biposto armata con un potente cannone da 30 mm automatico, e 12 lanciagranate nebbiogene. Il programma, approvato il 9 febbraio 1997 ha visto un primo lotto, chiaramente insufficiente, di 124 mezzi con esigenza di oltre 400 in 10 anni, dei quali i veicoli comando sarebbero stati, da soli, 94 esemplari, ma non sarebbero mancati i portamortai da 120 mm, controcarro (il modello normale non ha missili AT) e persino evacuazione sanitaria. Carri gettamponte LEGUAN MLC 70 su scafo M60, e un carro guastatori sullo stesso scafo avrebbero aiutato il movimento delle truppe corazzate spagnole, che nel lungo periodo avrebbero sostituito tutti i carri con i Leopard 2, anche se questo avrebbe significato dimezzarne il numero complessivo, a vantaggio di una ben superiore efficienza e del resto, seguendo la prassi di altri eserciti (come quello italiano, che si è ridotto a 200 Ariete, 120 Leopard 1A5, ma non contando le 390 Centauro, da una forza di 300 M60, 920 Leopard 1 e qualche centinaio di questi mezzi in versione speciale nonché M47 in riserva che erano ancora disponibili, con 1200 carri in servizio ripartiti, come nel caso dell'esercito spagnolo, tra cavalleria -350, su gruppi squadroni-, e fanteria carrista -850, su battaglioni).
 
Nel frattempo, la Spagna si prese la briga di ordinare, per la Cavalleria corazzata anche le Centauro, in circa 76 esemplari. Per la prima volta questi poderosi ma costosi mezzi vennero esportati. In effetti non vi è mai stato, almeno fino a tempi recenti, l'esigenza di disporre di una blindo da 25 t che costi 2-3 milioni di euro, praticamente come un carro armato T-80U, ma molto meno protetta (altro che resistenza al 105/120 mm!). In ogni caso, dopo 10 anni di marketing (che dovrebbero rendere l'idea di come sia ben poco 'ragionevole' e 'condiviso' spendere per una autoblindo quanto per un carro armato o quasi: 1500 miliardi -al 1992- per il programma Centauro sarebbero stati ben più che sufficienti per aggiornare tutti i Leopard 1, che per 400 mezzi richiedevano 655 miliardi nel 1990 e di fatto, eccetto l'Esercito sudafricano per ragioni ben comprensibili, nessun esercito 'pesante' ha mai anteposto le autoblindo pesanti ai carri armati) la blindo Centauro ha trovato un aquirente, per sostituire i BMR da esplorazione e combattimento, specie quelli armati con il pezzo da 90.
 
I Leopardo, così chiamati, sono stati prodotti in realtà in un primo ed unico lotto di 219 mezzi, che si aggiungono presumibilmente ai 108 A4, ma che sono ad uno standard ben superiore rispetto ai carri originariamente pianificati. Anzitutto, il LEOPARDO è allo standard 2A6, e questo significa diverse cose:
 
 
Per dare degno compare a tale bestione corazzato, è stato autorizzato nel 1997 il '''PIZARRO''', un blindato realizzato con la collaborazione della Steyr austriaca, tanto che in effetti è un parente stretto dell'ASCOD. Per la prima volta un mezzo definibile come 'da combattimento per la fanteria cingolato' entrò in servizio con l'ET: prima vi erano i BMR ruotati o gli M113 cingolati, entrambi con i loro validi aspetti, ma per accompagnare sui campi di battaglia i carri erano necessari cingolati pesanti, come il PIZARRO, simile ad un piccolo carro con torretta biposto armata con un potente cannone da 30 mm automatico, e 12 lanciagranate nebbiogene. Il programma, approvato il 9 febbraio 1997 ha visto un primo lotto, chiaramente insufficiente, di 124 mezzi con esigenza di oltre 400 in 10 anni, dei quali i veicoli comando sarebbero stati, da soli, 94 esemplari, ma non sarebbero mancati i portamortai da 120 mm, controcarro (il modello normale non ha missili AT) e persino evacuazione sanitaria. Carri gettamponte LEGUAN MLC 70 su scafo M60, e un carro guastatori sullo stesso scafo avrebbero aiutato il movimento delle truppe corazzate spagnole, che nel lungo periodo avrebbero sostituito tutti i carri con i Leopard 2, anche se questo avrebbe significato dimezzarne il numero complessivo, a vantaggio di una ben superiore efficienza e del resto, seguendo la prassi di altri eserciti (come quello italiano, che si è ridotto a 200 Ariete, 120 Leopard 1A5, ma non contando le 390 Centauro, da una forza di 300 M60, 920 Leopard 1 e qualche centinaio di questi mezzi in versione speciale nonché M47 in riserva che erano ancora disponibili, con 1200 carri in servizio ripartiti, come nel caso dell'esercito spagnolo, tra cavalleria -350, su gruppi squadroni-, e fanteria carrista -850, su battaglioni).
====Missili SPIKE====
La nuova arma controcarro missilistica per la Spagna è lo SPIKE-LR israeliano. E' stato ordinato alla Rafael israeliana, ma oltre il 60% della produzione avrà luogo in Spagna. Il missile israeliano ha battuto il JAVELIN e il MILAN 3. La commessa ha un valore di ben 424,5 milioni di dollari per la fornitura di 260 lanciatori e 2600 missili tra il 1007 e il 2011. E' un arma con guida IR con sensore CCD, e fibra ottica per consentire il controllo da parte dell'operatore durante l'ingaggio che può essere sia guidato che fire and forget. La gittata è di 4000 m e la massa di 11 kg appena, superando finalmente il rapporto peso-gittata del vecchio AT-3 Sagger (11,3 kg e 3000 m). La versione MR ha un raggio di 2,5 km e quella ER raggiunge gli 8 km, e potrebbe equipaggiare il TIGRE al posto dell'Hellfire o del TRIGAT LR. In ogni caso resta la constatazione del costo dei moderni sistemi d'arma: già il Javelin arrivava a 70.000 dollari e il sistema di tiro diverse centinaia di migliaia di $, qui il prezzo medio sarebbe addirittura di 160.000 dollari. Anche ponendo il lanciatore come costante 4 volte tanto, il prezzo è ancora di circa 100.000 dollari.
 
Carri gettamponte LEGUAN MLC 70 su scafo M60, e un carro guastatori sullo stesso scafo avrebbero aiutato il movimento delle truppe corazzate spagnole, che nel lungo periodo avrebbero sostituito tutti i carri con i Leopard 2, anche se questo avrebbe significato dimezzarne il numero complessivo, a vantaggio di una ben superiore efficienza e del resto, seguendo la prassi di altri eserciti (come quello italiano, che si è ridotto a 200 Ariete, 120 Leopard 1A5, ma non contando le 390 Centauro, da una forza di 300 M60, 920 Leopard 1 e qualche centinaio di questi mezzi in versione speciale nonché M47 in riserva che erano ancora disponibili, con 1200 carri in servizio ripartiti, come nel caso dell'esercito spagnolo, tra cavalleria -350, su gruppi squadroni-, e fanteria carrista -850, su battaglioni).
 
Nel frattempo, la Spagna si prese la briga di ordinare, per la Cavalleria corazzata anche le '''Centauro''', in circa 76 esemplari. Per la prima volta questi poderosi ma costosi mezzi vennero esportati. In effetti non vi è mai stato, almeno fino a tempi recenti, l'esigenza di disporre di una blindo da 25 t che costi 2-3 milioni di euro, praticamente come un carro armato T-80U, ma molto meno protetta (altro che resistenza al 105/120 mm!). In ogni caso, dopo 10 anni di marketing (che dovrebbero rendere l'idea di come sia ben poco 'ragionevole' e 'condiviso' spendere per una autoblindo quanto per un carro armato o quasi: 1500 miliardi -al 1992- per il programma Centauro sarebbero stati ben più che sufficienti per aggiornare tutti i Leopard 1, che per 400 mezzi richiedevano 655 miliardi nel 1990 e di fatto, eccetto l'Esercito sudafricano per ragioni ben comprensibili, nessun esercito 'pesante' ha mai anteposto le autoblindo pesanti ai carri armati) la blindo Centauro ha trovato un aquirente, per sostituire i BMR da esplorazione e combattimento, specie quelli armati con il pezzo da 90. I primi 24 sono stati ordinati nel 2001.
 
 
 
====Missili SPIKE====
La nuova arma controcarro missilistica per la Spagna è lo SPIKE-LR israeliano. E' stato ordinato alla Rafael israeliana, ma oltre il 60% della produzione avrà luogo in Spagna. Il missile israeliano ha battuto il JAVELIN e il MILAN 3. La commessa ha un valore di ben 424,5 milioni di dollari per la fornitura di 260 lanciatori e 2600 missili tra il 1007 e il 2011. E' un arma con guida IR con sensore CCD, e fibra ottica per consentire il controllo da parte dell'operatore durante l'ingaggio che può essere sia guidato che fire and forget. La gittata è di 4000 m e la massa di 11 kg appena, superando finalmente il rapporto peso-gittata del vecchio AT-3 Sagger (11,3 kg e 3000 m). La versione MR ha un raggio di 2,5 km e quella ER raggiunge gli 8 km, e potrebbe equipaggiare il TIGRE al posto dell'Hellfire o del TRIGAT LR. In ogni caso resta la constatazione del costo dei moderni sistemi d'arma: già il Javelin arrivava a 70.000 dollari e il sistema di tiro diverse centinaia di migliaia di $, qui il prezzo medio sarebbe addirittura di 160.000 dollari. Anche ponendo il lanciatore come costante 4 volte tanto, il prezzo è ancora di circa 100.000 dollari.
 
===Aviazione dell'Esercito===
6 953

contributi