Profili di donne venete/Scrittrici

Gaspara stampa1738.jpg

Gaspara StampaModifica

Nata a Padova nel 1523, alla morte del padre si trasferì a Venezia. Oltre alla sua particolare inclinazione per la poesia, si distinse come suonatrice di liuto. Frequentò il circolo letterario di Domenico Venier (letterato, fratello di Lorenzo) ed altri nella città di Venezia, e il salotto della sua casa a San Trovaso divenne luogo di ritrovo di artisti, poeti, letterati e nobili. In seguito alla morte del fratello e all’abbandono della persona amata, passò un periodo di depressione, e la scrittura di sonetti, dove venivano svelati sofferenza e solitudine, li diede in parte conforto. Morì nel 1554 e le sue poesie vennero stampate postume grazie all'interessamento della sorella[1].

OpereModifica

Caterina Dolfin TronModifica

Elena AganoorModifica

PoesieModifica

  • Melanconia
  • Una lampada
  • Sola
  • In abbandono:

«Con che gioia ti fuggo, / O cameretta / Tomba de sogni miei, / De' miei pensieri, / Dove nella stagion che i moti affretta/ Passai le notti insonni e i giorni neri. / Dove l'anima mia sola, e costretta / Soffocando nel pianto i desideri, / Cercò dei libri la sapienza gretta».

(Elena Aganoor, In abbandono)

NoteModifica

  1. Donne della storia veneziana, su Fondazione MUVE.