Disposizioni foniche di organi a canne/Italia/Sicilia/Città metropolitana di Palermo/Palermo/Palermo - Oratorio del Rosario di Santa Cita

Indice del libro


Organo anticoModifica

  • Costruttore: anonimo
  • Anno: fine XVIII secolo
  • Restauri/modifiche: ?
  • Registri: 7
  • Canne: ?
  • Trasmissione: meccanica
  • Consolle: a finestra, al centro della parete anteriore della cassa
  • Tastiere: 1 di 45 note con prima ottava scavezza (Do1-Do5)
  • Pedaliera: siciliana scavezza di 8 note (Do1-Si1), costantemente unita al manuale
  • Collocazione: in corpo unico, a pavimento[1]
Manuale
Principale 8'[2]
Ottava 4'
Flauto 4'
XIX 1.1/3'
XXII 1'
XV 2'
Pedale
Bassi 8'[3]

Organo Laudani e GiudiciModifica

  • Costruttore: Laudani e Giudici
  • Anno: inizio XX secolo
  • Restauri/modifiche: ?
  • Registri: 19
  • Canne: ?
  • Trasmissione: pneumatica
  • Consolle: addossata al corpo d'organo
  • Tastiere: 2 di 61 note (Do1-Do6)
  • Pedaliera: concavo-radiale di 30 note (Do1-Fa3)
  • Collocazione: in corpo unico, sulla cantoria di sinistra dell'abside
  • Note: strumento interamente chiuso in cassa espressiva, con somiere a doppio scompartimento
I - Espressivo
XV 2'
XII 2.2/3'
Flauto 4'
Ottava 4'
Viola 8'
Flauto 8'
Dulciana 8'
Principale 8'
II - Espressivo
Diapason 8'
Dulciana 8'
Flauto 8'
Concerto viole 8'
Unda maris 8'
Ottava 8'
Flauto armonico 4'
XII 2.2/3'
Doublette 2'
[registro illeggibile]
Tremolo
Pedale espressivo
Subbasso 16'

NoteModifica

  1. originariamente situato sulla cantoria di destra dell'abside.
  2. da Do2.
  3. in legno.

BibliografiaModifica

  • Franco Vito Gaiezza, Catalogazione Organi Storici della citta' di Palermo, in Guida Musicale della Sicilia 1989-1991, Palermo, Centro per le Iniziative Musicali in Sicilia (CIMS), Regione Siciliana, Assessorato Beni Culturali, Ambientali e Pubblica Istruzione, 1995, ISBN non esistente.
  • Giuseppe Dispensa Zaccaria, Organi e organari in Sicilia dal '400 al '900, Palermo, Accademia nazionale di scienze lettere e arti, 1988, p. 92, ISBN non esistente.

Altri progettiModifica