Disposizioni foniche di organi a canne/Italia/Lazio/Città metropolitana di Roma/Nemi/Nemi - Chiesa di Santa Maria del Pozzo

Indice del libro
Nemi - S.M. del Pozzo - organo
  • Costruttore: Fratelli Martinelli
  • Anno: 1847[1]
  • Restauri/modifiche: Enrico Priori (1867, ampliamento), Fratelli Paoli (1900 circa, riforma), Ditta Greco di Mottola (1926, alienamento in occasione del rimontaggio del terzo manuale e riduzione su un unico manuale degli altri due), Gaspare e Michele Schimicci (metà anni '30, sostituzione registri ad ancia con violeggianti e modifiche interne)[2], Gaspare Schimicci (1954, restauro e modifiche)
  • Registri: 40
  • Canne: ?
  • Trasmissione: pneumatico-tubolare[3]
  • Consolle: fissa indipendente, al centro della cantoria, rivolta verso la navata
  • Tastiere: 1 di 54 note con prima ottava cromatica estesa (Do1-Fa5)
  • Pedaliera: dritta di 27 note (Do1-Re3)
  • Collocazione: in corpo unico, sulla cantoria in controfacciata
  • Note: strumento privo di tutte le canne ad eccezione di quelle della mostra
  • Accessori: pedaletti per Unione Manuale-Pedale, Superottava Manuale
Manuale
Principale 16' Soprani
Principale dolce 8'
Flauto traverso 8'
Gamba 8'
Dulciana 8'
Unda maris 8'
Ottava 4'
Flauto 4'
Flauto in XII 2.2/3'
Ripieno 5 file
Pedale
Contrabbasso 16'
Basso 8'

NoteModifica

  1. strumento costruito per la basilica di Santa Maria in Ara Cœli in Roma, ceduto e installato nella chiesa di Santa Maria del Pozzo a Nemi nel 1926.
  2. lavori pagati in materiale fonico
  3. installata nel 1954 in luogo di quella meccanica originaria.

BibliografiaModifica

  • Graziano Fronzuto, Organi di Roma. Guida pratica orientativa agli organi storici e moderni, Firenze, Leo S. Olschki Editore, 2007, pp. 281-282, ISBN 978-88-222-5674-4.

Altri progettiModifica